Carenza dei segretari comunali, protesta del sindaco Micucci

Il sindaco di Rapino, Rocco Micucci, minaccia di riconsegnare la fascia tricolore per protestare contro la mancanza, in gran parte dei piccoli Comuni, dei segretari comunali e ha deciso di rivolgersi, con un appello, alle Prefetture di Chieti e L’Aquila, alla Corte dei Conti dell’Aquila, al ministero dell’Interno e alla Procura della Repubblica di Chieti. Chiede che “si attivino, ciascuno per propria competenza, per addivenire alla risoluzione del caso e, ognuno provveda a verificare se si prefiguri anche l’interruzione di pubblico servizio con conseguente individuazione di eventuali responsabilita’. In ogni caso, non si potranno imputare colpe ne’ al sindaco ne’ all’Amministrazione per eventuali ritardi, dato l’evidente e pronto interessamento alla risoluzione del problema”.

La decisione di Micucci e’ stata presa anche a seguito di quella che lui stesso definisce una beffa: “L’assegnazione di una reggenza, da parte di un Segretario individuato dall’Albo dei segretari comunali, dopo sei mesi di sede vacante e numerose richieste da parte nostra per l’assegnazione, e’ durata appena una settimana – dice ancora Micucci – L’immutata situazione comporta serie difficolta’ per il nostro Comune che, non riuscendo a reperire la disponibilita’ di un segretario, non puo’ ottemperare agli adempimenti in scadenza, ad esempio la salvaguardia degli equilibri di bilancio, non certo a causa di quest’Amministrazione che ha predisposto gia’ tutti gli atti. Qualora, in tempi brevi, non sara’ assegnato un Segretario comunale a questo Comune, il sottoscritto, suo malgrado, e’ disposto a riconsegnare formalmente la fascia tricolore, simbolo dell’Istituzione che rappresenta”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *