Caso mense a Pescara, il sindaco annuncia la risoluzione del contratto

“Siamo nelle condizioni per procedere alla risoluzione per inadempimento del rapporto contrattuale con i gestori delle mense scolastiche”. Lo dichiara il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, relativamente al caso degli oltre 200 bambini colpiti da malori con sintomatologia gastrointestinale, provocati dal batterio Campylobacter. Oggi pomeriggio Alessandrini e’ stato ascoltato in Procura, su sua richiesta, per rendere sommarie informazioni come persona informata sui fatti. “Lo scorso 12 giugno – dice il sindaco – la concessionaria ha inviato al Comune una serie di documenti su controlli, rapporti prova e accertamenti vati. La documentazione e’ stata analizzata dai nostri uffici e sono emerse alcune criticita’ rispetto agli alimenti somministrati. Criticita’ relative a prodotti lattiero caseari e, nello specifico, una caciotta in cui c’era traccia di coliformi; le analisi in questione risalivano ad aprile. Inadempienze sono emerse anche sui controlli igienico sanitari”. “Il Comune sta quindi predisponendo la documentazione necessaria per la risoluzione del contratto – prosegue il primo cittadino – La risoluzione per inadempimento facoltizza la possibilita’ di esperire il cosiddetto ‘interpello’, cioe’ di valutare se l’impresa che si e’ classificata seconda nell’ambito della gara possa offrire lo stesso servizio a condizioni e costi analoghi. Questo consentirebbe di evitare una nuova gara, visti i tempi ristretti fino ad ottobre”. Infine, Alessandrini fa sapere che nei prossimi giorni e’ previsto un incontro tra tutte le parti interessate dalla vicenda, ossia l’amministrazione comunale, il comitato spontaneo di genitori e gli avvocati. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *