Chieti, al via il completamento del tunnel pedonale 

Sono stati aggiudicati alla C.L.P. srl di Pomigliano D’Arco e verranno ultimati per l’inizio della prossima estate i lavori di completamento e messa in esercizio del collegamento pedonale che a Chieti collega il terminal bus di via Gran Sasso con largo Barbella in centro storico. L’importo complessivo e’ di 424.526,58 euro. Il sindaco Umberto Di Primio e l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Di Felice questa mattina, nel corso di una conferenza stampa tenuta all’interno del tunnel, che e’ lungo 160 metri e portera’ gli utenti in centro storico grazie a due ascensori, hanno illustrato le opere di completamento ovvero l’ultimazione del parallelepipedo in vetro strutturale dell’uscita ascensori su largo Barbella e l’istallazione di una trave reticolare per il lucernario, il ripristino impiantistico e la manutenzione degli ascensori, le finiture e i collaudi per la messa in esercizio e la sistemazione del piano archeologico. “Il completamento del tunnel – ha sottolineato Di Primio –  rappresenta solo uno degli elementi del sistema della sosta e della mobilita’ che, in questi anni, abbiamo immaginato per rendere la citta’ piu’ vivibile, piu’ accessibile, per dare risposte a chi chiede un maggior numero di parcheggi e un migliore accesso al centro storico. Ho sempre affermato, infatti, che il suo completamento era da collocare nell’ambito di una piu’ ampia programmazione”. “Alla ‘fine del tunnel’, tra sei mesi – ha aggiunto Di Primio – abbiamo previsto la riqualificazione del piazzale del terminal bus destinato alla sosta dei mezzi pubblici, progetto che dovra’ essere finanziato nell’ambito del Masterplan Abruzzo con la societa’ Tua soggetto attuatore, l’irrinunciabile raddoppio della capienza del parcheggio interrato di via Gran Sasso, fino a circa 400 posti auto, il cui progetto e’ inserito nell’ambito del finanziamento Decreto Periferie e che entro la fine di ottobre contiamo di poter firmare con il Governo nazionale che ci assegnera’ 11,5 milioni e il rifacimento di piazza S. Giustino che potra’ essere, cosi’, riconsegnata alla citta’ come luogo da vivere e non piu’ come parcheggio. Vi sono, infine, gli interventi previsti sulla scala mobile che, entro il 2019, dovra’ essere sottoposta a nuova revisione. Dal tunnel, opera nei confronti della quale sono sempre stato contrario cosi’ come concepita in origine da chi mi ha preceduto, ma che oggi, grazie alla nostra capacita’ progettuale, si colloca in un sistema integrato di opere pubbliche – ha concluso Di Primio – , parte il nuovo livello di accessibilita’ alla citta’ che stiamo costruendo con i nostri progetti oggi iscritti tra quelli finanziabili dal governo nazionale e da quello regionale”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *