Coronavirus, Liris: struttura del G8 accoglie il primo paziente

“Quello che si pensava potesse accadere si sta verificando e cioe’ che il G8 diventasse una struttura importante non solo per la provincia dell’Aquila ma per l’intera Regione”. Cosi’ l’assessore regionale al Bilancio e al Patrimonio, l’ex vice sindaco dell’Aquila Guido Liris, sul cosiddetto G8, il piccolo ospedale realizzato per l’evento mondiale dopo il sisma dell’Aquila, riaperto ieri con le competenze di covid – hospital di supporto al limitrofo San Salvatore. Liris annuncia in una nota che “grazie al coordinamento del prof. Franco Marinangeli, primario del reparto di rianimazione, il G8 ospita il primo paziente”.

“Il trasferimento da Malattie infettive e’ stato fatto questa mattina” aggiunge “nel rispetto di tutti i criteri di sicurezza ed il malato e’ di Castel di Sangro. E’ inoltre in arrivo un paziente da Avezzano, mentre la struttura di Pescara, che e’ ai limiti, ci ha chiesto di prendere un loro paziente. Entrambi sono presumibilmente da intubare”. Sono operativi sei posti letto di terapia intensiva “con la probabilita’ di aprire anche una sala operatoria per i malati di coronavirus”. Nel G8 ci sara’ inoltre la possibilita’ di portare a 30 posti letto la capacita’ di assistenza respiratoria, assistenza e terapia semi intensiva. Liris sottolinea che proseguono i lavori per il triage di Malattie infettive, al piano di sotto del reparto, “una nuova struttura per consentire di fare tamponi ai sospetti senza passaggi in Pronto Soccorso, evitando il rischio contaminazione dell’ospedale”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *