Coronavirus, Pietrucci chiede lo stop ai cantieri della ricostruzione

“Vanno chiusi immediatamente i cantieri della ricostruzione per isolare il piu’ possibile il territorio aquilano, soprattutto, per evitare che tecnici e maestranze continuino ad arrivare da fuori regione a migliaia nel nostro territorio, rischiando di aumentare il contagio. Ho avuto rassicurazione dal vice presidente della Giunta Imprudente che il presidente Marsilio ne fara’ richiesta nel pomeriggio alla conference call con il Governo nazionale”. Cosi’ il consigliere regionale aquilano del Pd Pierpaolo Pietrucci, del Pd, nel fare il punto sul coronavirus. Il dibattito sui cantieri si e’ acceso dopo l?intervento all?Ansa del presidente abruzzese dei costruttori, Antonio D’Intino, che ha parlato di cantieri aperti in assenza di cassa integrazione, misura che non farebbe perdere lo stipendio a maestranze e tecnici. “Sono per la chiusura totale delle attivita’ in Abruzzo, unico modo per arginare l’avanzare dei contagi, dobbiamo cominciare subito con i cantieri della ricostruzione, se non ci sara’ accoglimento da parte del Governo nazionale, lo dovra’ fare il presidente Marsilio con specifica ordinanza, cosi’ come fatto in questi giorni – continua Pietrucci -. Parallelamente bisogna procedere con l’adozione di misure a sostegno di lavoratori dipendenti ed autonomi, che stanno subendo danni gia’ gravissimi, attingendo a fondi regionali, da non confondere con i fondi restart, che sono previsti per il cratere”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *