Demanio, via alla retrocessione dei terreni della diga di Bisenti

La Regione avviera’ tutte le procedure necessarie per la retrocessione ai Comuni interessati o ai proprietari dei terreni espropriati per la realizzazione, mai avvenuta, della diga di Bisenti, il cui iter prese il via nel 1958. Lo ha stabilito il presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso, nel corso di un incontro a Pescara a cui hanno partecipato i sindaci dei territori interessati, rappresentanti del Consorzio di bonifica e funzionari regionali. Il provvedimento riguarda 270 ettari di terreni e 69 fabbricati (in parte ruderi), su cui sarebbe dovuto sorgere uno degli invasi piu’ grandi d’Italia, finanziato nel 1984 dalla Cassa per il Mezzogiorno con 57 miliardi di lire. Nel 1987 inizio’ – dopo la concessione ministeriale per la derivazione delle acque – la demanializzazione delle aree, ricadenti nei Comuni di Arsita, Bisenti, Castiglione Messer Raimondo, Montefino, Castilenti, Elice, Citta’ Sant’Angelo e Montesilvano. L’appalto per la realizzazione dell’opera fu aggiudicato nel 1990, ma la soppressione della Cassa e una serie di altri motivi, portarono all’accantonamento del progetto, alla risoluzione del contratto con la ditta vincitrice e all’archiviazione di tutta la procedura, decisa dal Ministero dei Lavori Pubblici nel 1995. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Parco regionale Sirente Velino, le attività di rilancio

“Un salto di qualità importante che pone il Parco in una dinamica completamente diversa dove …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *