Di Matteo: candidatura di Catani nel segno della discontinuità

 “La logica seguita fin ora e’ stata quella di stare attenti ai territori amici e all’amico dell’amico. Noi non vogliamo le foto sui giornali, ma una politica che sappia agire sui problemi di tutti”. Donato Di Matteo, consigliere della Regione Abruzzo eletto nel Pd ma oggi a capo della lista civica Abruzzo Insieme, non usa mezze parole per spiegare la decisione di sostenere Vincenzo Catani, sindaco di Picciano, alla presidenza della Provincia di Pescara, il cui voto e’ previsto per il prossimo 31 ottobre. L’ente era governato dal centrosinistra con Antonio Di Marco. E la candidatura di Catani e’ stata lanciata da Di Matteo proprio in contrasto con il presidente uscente: “Abbiamo optato per una candidatura che desse discontinuita’ ad una logica che ha fatto male al territorio- dice- Loro si fanno le foto e intanto la provincia di Pescara e’ disastrata. Catani e’ un uomo d’esperienza che ha un lungo trascorso come amministratore territoriale. E’ aperto a tutte le istanze e lontano dalle logiche di partito”. Una scelta dettata anche dalla volonta’ di “spaventare” gli avversari. “Siamo molto presenti sul territorio. Loro – afferma riferendosi alle altre forze politiche – non si preoccupano dei problemi reali, ma si accorgono di te quando cerchi di toglierli pezzi di potere”. La corsa alla Provincia, insomma, si profila a sorpresa come una corsa a tre. Con Catani, infatti, alle urne andra’ quasi certamente il sindaco di Collecorvino Antonio Zaffiri, candidato del centrodestra. Il Pd invece si e’ dato appuntamento questa sera per scogliere il nodo della candidatura che potrebbe portare al nome del sindaco di Spoltore, Luciano Di Lorito, o di quello di Cugnoli, Lanfranco Chiola. 

La replica di Antonio Di Marco

“Quello di Di Matteo e’ un ritornello funzionale alla sua progettualita’ politica: tenersi da parte adesso per arrivare alla conclusione, il voto, e decidere da quale parte stare”, ha detto Di Marco. Di Matteo ha giustificato la scelta parlando di una “logica politica attenta ai territori amici e degli amici degli amici” e non ai reali problemi della provincia di Pescara. Una logica, ha aggiunto, fatta piu’ di foto sui giornali che di azioni concrete che, in eredita’, “lascia un territorio devastato”. “In questi anni- e’ stata la replica di Di Marco- abbiamo speso bene e i risultati sono visibili. Esempio ne sono i due viadotti realizzati sul fiume Saline, la ristrutturazione e la riapertura dell’Alberghiero De Cecco e la conclusione dei lavori nella Scuola Marconi di Penne. Abbiamo lavorato con la concretezza. Le polemiche le lascio a Di Matteo”. Questa sera i sindaci della coalizione di centrosinistra si riuniranno per fare il punto sul futuro candidato. Una partita a due che vede in lizza il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito e quello di Cugnoli Lanfranco Chiola. “L’importante – conclude Di Marco – e’ individuare un presidente che non sia li’ a rappresentare la scena, ma a continuare la gestione messa in campo in questi quattro anni. Lasciamo 55 milioni da investire sui territori e 33 per le scuole”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *