Discarica di Bussi, Costa: Chi ha inquinato deve pagare e bonificare

“La burocrazia, oltre alle necessarie verifiche amministrative, per tanti, troppi anni, hanno bloccato le bonifiche. Da quando sono io al timone del ministero abbiamo definito la questione della proprieta’ dei siti e stanziato i primi 50 milioni, pronti a partire appena emessa la sentenza. E ora non ci sono piu’ dubbi. Chi ha inquinato deve pagare e bonificare”. Lo scrive su Facebook il ministro dell’ Ambiente, Sergio Costa, in merito alla sentenza del Consiglio di Stato che attribuisce a Edison la responsabilita’ dell’ inquinamento dell’area dove nel 2007, a Bussi sul Tirino, e’ stata scoperta la discarica dei veleni. “Finalmente oggi abbiamo inconfutabilmente il responsabile di tutto cio’: la Edison – scrive Costa su Fb – Non e’ una novita’, lo dicevamo da anni, ma un conto sono le parole e un altro sono i fatti. La Edison si attivi immediatamente per le bonifiche. Adesso vigileremo e ci renderemo parte attiva affinche’ Edison nel piu’ breve tempo possibile inizi le attivita’ di bonifica e potremo re-investire i 50 milioni per altre operazioni di messa sicurezza del nostro Paese”.

La replica di Edison

Edison “prende atto del contenuto della sentenza del Consiglio di Stato alla quale, come ha sempre fatto, si conformera’, dando attuazione all’Ordinanza della Provincia di Pescara la cui validita’ e’ stata da essa confermata, pur ritenendone la assoluta arbitrarieta’ e ingiustizia. La Societa’ – recita una nota – crede, infatti, che la sentenza violi alcuni principi fondamentali del nostro ordinamento e di quello europeo, in materia non solo ambientale, ma anche civile e societaria, e contraddica la stessa giurisprudenza del Consiglio di Stato, minando gravemente la prevedibilita’ della giurisdizione e la certezza del diritto”. Edison “agira’, conseguentemente, con ogni mezzo e in tutte le sedi contro tale pronuncia, a tutela delle proprie ragioni e per il ripristino della giustizia. In merito al Sito di Interesse Nazionale di Bussi e alle attivita’ di bonifica relative ad esso, Edison fino a oggi e’ stato l’unico soggetto a farsi carico di azioni di ripristino ambientale dell’area, cooperando, anche sul piano sociale, con le istituzioni pubbliche e tutti gli altri soggetti coinvolti, e mettendo a disposizione le proprie competenze e risorse economiche. La societa’ ribadisce che portera’ a termine quanto iniziato e che si assume questa responsabilita’ e i relativi oneri, sopperendo all’inadempienza e al mancato intervento dell’attuale proprieta’”. Edison, prosegue la nota, “ritiene di non avere alcuna responsabilita’ o obbligo rispetto alle aree 2A e 2B e limitrofe del SIN di Bussi, oggetto della sentenza del Consiglio di Stato. Tali aree, infatti, distinte dalla Tremonti sono parte di Ausimont fin dal 1981 che ha realizzato e gestito le discariche che si trovano all’interno di esse. Detta societa’ e’ stata ceduta a Solvay che l’ha incorporata, succedendo nelle responsabilita’ e negli obblighi di essa. Dal giugno 2018, infine, tali aree sono passate nella proprieta’ e quindi nella custodia e responsabilita’ al Comune di Bussi. Edison ricorda che gia’ in passato e per altri contesti industriali ha dimostrato di essere in grado di operare in modo proficuo per la soluzione condivisa di problematiche ambientali anche piu’ complesse di quella di Bussi”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *