Filcams CGIL Pescara e UILTuCS Abruzzo lanciano l’allarme sugli aumenti della mensa scolastica

Le categorie sindacali di settore Filcams CGIL Pescara e UILTuCS Abruzzo esprimono in una nota “massima preoccupazione sulle possibili ripercussioni occupazionali ai danni delle addette e degli addetti al servizio di ristorazione e refezione delle mense scolastiche di Pescara”.

Secondo i sindacati: “Un’indicazione nell’avviso pubblico del Comune di Pescara rivolto ai genitori per iscrivere i propri figli al servizio mensa delle scuole dell’infanzia, primarie e medie a tempo pieno per l’anno scolastico 2023/2024 con riferimento alla delibera 891 del 26/11/2021, di fatti sancisce un aumento delle tariffe, a partire da gennaio 2024, che  raddoppierà il costo ai danni delle famiglie. Sono 120 circa lavoratrici e lavoratori impiegati, tutti part time involontari che per ovvi motivi legati alla possibile riduzione dei pasti,  potrebbero subire un taglio considerevole delle ore di lavoro e di conseguenza dei loro redditi, molti dei quali già al di sotto della soglia di povertà”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Chieti, formalizzato il passaggio nella gestione dei parcheggi da Teateservizi

Il curatore fallimentare della società partecipata Teateservizi, Guglielmo Flacco, e il dirigente di settore del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *