Liris: 7,5 milioni di euro per la Valle Subequana

 La Presidenza del Consiglio, Dipartimento per le Politiche della Coesione, ha approvato la strategia dell’area interna “Gran Sasso – Valle Subequana”, un progetto che vale 7,5 milioni di euro e che coinvolge 24 Comuni, la totalita’ dei quali ha subito ripercussioni a causa del sisma del 2009. Ne da’ notizia l’assessore regionale alle Aree interne, Guido Liris. La strategia, che ora dovra’ essere calata in un piano di lavoro concordato, si delinea su quattro assi: servizi, sviluppo locale, associazionismo e assistenza tecnica. A loro volta gli assi si dividono in ambiti tematici: istruzione, sanita’, mobilita’, risorse agricole e forestali, turismo, lavoro, cultura d’impresa, economia sociale, processi associativi e governance, supporto tecnico all’attuazione. “E’ un grande traguardo – commenta l’assessore Liris – perche’ arriva a compimento un percorso partecipato, strategico, che punta a mettere in risalto l’identita’ sociale, culturale e ambientale dell’area per trasformare in chiave di continuita’ investimenti in salute, turismo sostenibile, aree protette, spiritualita’ e arte, l’agricoltura e l’artigianato di nicchia in modo da far si’ che possano di nuovo dare forza motivazione ed appartenenza ai cittadini del territorio. Con questo progetto vogliamo costruire una soluzione concreta per contrastare lo spopolamento e offrire ai giovani un’opportunita’ per continuare a vivere su questo territorio ricchissimo di specificita’ e di potenzialita’. Il programma e’ ampio e consentira’ di abbracciare molti ambiti di intervento, rilanciando l’economia rurale, le produzioni locali, la ricettivita’ turistica, valorizzando il ruolo della comunita’ e supportandola con tutta la rete dei progetti coinvolti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Protezione civile, siglato accordo di collaborazione tra Agenzia regionale e Direzione marittima di Pescara

La valorizzazione dei rapporti di collaborazione tra la Protezione Civile regionale e la Direzione Marittima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *