Meloni: i risultati della giunta Marsilio sono incoraggianti

“Per le prossime elezioni in Abruzzo stiamo lavorando per individuare chiaramente in 3 città che vanno al voto, candidati competitivi. Lavoriamo per vincere. Mi pare che i risultati anche della Giunta Marsilio e quindi di Fratelli d’Italia siano risultati parecchio incoraggianti. Io sono estremamente fiera del lavoro del governatore Marsilio, della sua serietà, di vedere un governatore che mantiene gli impegni presi e che su questa regione, piuttosto che spendere le risorse per comprare consenso come spesso piace fare alle forze politiche, decide di investire su progetti medio e lungo termine che però possono liberare questa regione dal suo storico isolamento, per cui tutto il tema delle infrastrutture. Sono fiera di un governatore che si è rifiutato di fare tutti i giorni le dirette Facebook, durante la pandemia, neanche si fosse dei fenomeni televisivi, perché stava lavorando. E quindi, mi riconosco nel suo modello e del resto lo conosco molto bene perché ci conosciamo da qualche anno. Per cui sono molto fiera. Penso che questo i cittadini abruzzesi che andranno al voto alle prossime amministrative lo riconosceranno al centrodestra e a Fratelli d’Italia. La crescita di Fratelli d’Italia viene molto temuta, la liberta’ di Fratelli d’Italia viene molto temuta e questo per me basta per fare ancora meglio il mio lavoro”. Lo ha dichiarato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, a Pescara, per la presentazione del suo libro.

“Dall’Ue arrivano pochi fondi in tempi troppo lunghi, arrivano sempre con delle condizionalita’ che sono dal mio punto di vista troppo elevate e arrivano anche con un tema legato alle cosiddette risorse proprie con cui l’Unione europea dovrebbe garantire questi soldi, che rischiano di essere prese dalle stesse aziende che quelle risorse dovrebbero salvare. Io non sono ottimista come i cosiddetti europeisti, anche se mi considero un’europeista anche io. Semplicemente credo in una Europa diversa”, ha aggiunto Giorgia Meloni, rispondendo ad una domanda dei cronisti sul Pnrr. “Qualche passo in avanti e’ stato fatto, ma siamo sicuramente molto indietro rispetto all’idea di un’Europa che abbiamo noi, cioe’ che sia finalmente un gigante politico e un nano burocratico. Oggi siamo di fronte ad un gigante burocratico, e anche per questo le risorse non arrivano, e un nano politico”, conclude.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Orientamento studenti, accordo Regione – Università

Orientare i giovani, intesa tra Regione Abruzzo e le universita’ di Teramo e Chieti -Pescara: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *