Pescara, comitati e associazioni chiedono alla Regione più risorse per l’ospedale

Comitati e associazioni per la difesa dell’ospedale di Pescara chiedono  alla Regione di incrementare i fondi per il personale sanitario operante nella struttura, cosi’ da poter meglio rispondere alle esigenze dei cittadini, considerando che il nosocomio del capoluogo adriatico e’ quello che in Abruzzo eroga il maggior numero di prestazioni. Antonio Ciofani, della Consulta Clinica per l’ospedale di II livello, ha spiegato l’obiettivo della conferenza stampa di oggi a Pescara: “Fa seguito al Consiglio Comunale di qualche giorno fa perche’ il tutto e’ iniziato con la problematica che riguarda gli ospedali di II livello. Sulla base del decreto ministeriale 70, l’Abruzzo dovrebbe averne due. Uno dei due secondo noi, nel contesto dell’area metropolitana Abruzzo sud, dovrebbe essere a Pescara, unico ospedale ad avere i requisiti di legge che parlano, tra l’altro, di almeno 70mila accessi l’anno di degenti al pronto soccorso. Al Santo Spirito di Pescara abbiamo 98mila accessi che nessuno ospedale ha in Abruzzo (L’Aquila 46mila, Teramo 42mila, Chieti 63mila). Inoltre il nosocomio ha il maggior numero di discipline ad alta intensita’. Manca solo la cardiochirurgia che si voleva spostare da Chieti a Pescara. Non e’ un fatto di campanile – prosegue Ciofani – perche’ e’ interesse della collettivita’ avere un ospedale di II livello attrezzato. Anche uno studio della Bocconi – pubblicato su Il Sole 24 ore – dice che l’ospedale di riferimento di II livello in Abruzzo deve essere localizzato a Pescara”. “Per questo riteniamo che le istituzioni non diano un eccessivo peso all’ospedale di Pescara. L’ospedale deve avere una dotazione di materiale finanziario e personale maggiore perche’ effettua il maggior numero di prestazioni rispetto agli altri della regione”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Orientamento studenti, accordo Regione – Università

Orientare i giovani, intesa tra Regione Abruzzo e le universita’ di Teramo e Chieti -Pescara: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *