Rette scolastiche rimborsate a 41 residenti nei comuni montani

Sono 41 le istanze ammesse per il rimborso delle rette scolastiche in favore di quelle famiglie che vivono in un comune montano della regione. Gli uffici regionali hanno pubblicato l’elenco delle istanze ammesse e non ammesse a seguito dell’avviso pubblicato lo scorso 10 novembre che mette a disposizione 100 mila euro per rimborsare le rette scolastiche a quei nuclei famigliari che vivono e risiedono in un comune montano nel cui territorio non è presente un istituto scolastico statale. In totale, secondo i dati forniti dal servizio regionale, sono arrivate sulla piattaforma regionale 54 istanze di rimborso, di cui 41 ammesse e 13 rigettate.

La misura rientra tra quelle previste dalla legge regionale n. 32 del 2021 che dispone una serie di provvedimenti urgenti per contrastare lo spopolamento dei piccoli comuni di montagna. Tra questi c’è la misura che prevede il rimborso dei costi sostenuti dalle famiglie per le rette scolastiche fino ad un massimo di 2000 euro.

 

Il rimborso riconosciuto è riferito all’annualità 2023 per il periodo che va dal 1° aprile al 31 dicembre 2023. I beneficiari hanno tempo fino al 28 febbraio 2024 per caricare sulla piattaforma utilizzata per presentare la domanda di contributo (sportello.regione.abruzzo.it) la documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle rette scolastiche da rimborsare.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Commissioni Bilancio, Territorio e Sanità, in apertura della settimana del Consiglio regionale

La settimana politica all’Emiciclo si apre con la seduta congiunta delle Commissioni Bilancio, Territorio e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *