Wwf e Salviamo l’Orso, no a nuova seggiovia a Gamberale

Il 30 maggio il Comitato regionale per la Valutazione di incidenza ambientale (VIA) esaminera’ il progetto di una nuova seggiovia a Gamberale, un impianto che Wwf e Salviamo l’Orso “giudicano estremamente dannoso per l’ambiente e sostanzialmente inutile per l’economia locale: un progetto destinato a sprecare risorse pubbliche e che sembra non voler tenere conto del fatto che l’impianto precedente era fallito ed e’ ormai dismesso da circa 15 anni”.

“Davvero non si comprende – scrivono le due associazioni in una nota – quali possano essere ora le aspettative di utilizzo della struttura, soprattutto alla luce dei cambiamenti climatici in atto, che hanno accorciato il periodo di innevamento e alzato la quota neve rendendo la pratica dello sci improponibile a queste quote in Appennino. Sarebbe infatti assurdo anche solo ipotizzare l’uso massiccio dei cosiddetti ‘cannoni da neve’ che, al di la’ delle gravi conseguenze ambientali, aumenterebbero a dismisura i costi rendendo ancor piu’ improponibile l’ipotesi di costruire questa nuova seggiovia”.

L’area in esame, situata all’interno del Parco Nazionale della Majella, e’ soggetta al vincolo paesaggistico; ricade in una Zona di Protezione Speciale; fa parte dell’IBA (Important Bird Area) Majella, Monti Pizzi e Monti Frentani; e’ posta sul confine del SIC “Monti Pizzi-Monte Secine”; rientra nella core area del PATOM e in una delle due Macrozone (A-B) designate dalla Regione Abruzzo per non compromettere l’habitat dell’orso. Pochi giorni fa il WWF e Salviamo l’Orso hanno intanto contattato uno studio legale e hanno scritto, attraverso l’avvocato Michele Pezone, una lettera al Comitato VIA e ai competenti uffici della Regione Abruzzo, al Comune di Gamberale e al Ministero dell’Ambiente in cui si richiama in primis al rispetto della Delibera Regionale n. 877 del 27/12/2016 (Misure generali di conservazione per la tutela dei siti della Rete Natura 2000 della Regione Abruzzo) che vieta esplicitamente la costruzione di nuovi impianti da sci nelle aree della Rete Natura 2000, in questo caso all’interno di un Parco nazionale il cui compito principale e’ preservare la natura dei luoghi.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Contributo di 112.630 mila euro per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali nel sito ex Montecatini

Un contributo di 112.630 mila euro per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *