Coronavirus, 739 in Abruzzo nuovi casi di Covid-19 accertati tra l’11 e il 17 febbraio

Sono 739 in Abruzzo i nuovi casi di Covid-19 accertati tra l’11 e il 17 febbraio. Il dato è emerso dall’analisi di 2.885 tamponi molecolari e 7.608 test antigenici. Il totale dei casi supera quota 650mila e sale a 650.441; le reinfezioni sono 36.591 (+201 rispetto a venerdì scorso). Dieci i decessi recenti (di età compresa tra 64 e 98 anni): il bilancio delle vittime sale a 3.916. Gli attualmente positivi sono 10.018 (-211 rispetto a venerdì scorso): 81 pazienti (-1) sono ricoverati in ospedale in area medica e 5 (+2) sono in terapia intensiva, mentre i restanti sono in isolamento domiciliare. I guariti sono 636.507 (+940). Del totale dei casi, 131.282 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+97 rispetto a venerdì scorso), 187.197 in provincia di Chieti (+238), 155.274 in provincia di Pescara (+229), 154.371 in provincia di Teramo (+177) e 13.223 fuori regione (+7), mentre per 9.094 (-9) sono in corso verifiche sulla provenienza.

La circolazione del Covid-19, in Abruzzo, continua a rallentare, seppure a ritmi inferiori rispetto alle settimane precedenti. Il totale dei nuovi casi degli ultimi sette giorni è pari al -9% se confrontato al dato della settimana precedente. Si riduce gradualmente l’incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti, che è ora a 58 (una settimana fa 64). Stabili i ricoveri, ma aumentano leggermente quelli in terapia intensiva. In lenta riduzione il numero di casi attivi, che resta superiore a quota diecimila. Scende ancora il tasso di positività, la cui media nell’ultima settimana è pari al 7,04%, contro il 7,47% della settimana precedente. Sul fronte decessi, analizzando i dati contenuti nel bollettino della Regione, si registra un lieve aumento: nell’ultima settimana le vittime sono state 10, contro le 6 di quella precedente. Per quanto riguarda i ricoveri, quelli in area medica si riducono di una sola unità, mentre quelli in rianimazione, a fronte di un aumento di due unità, crescono del 67%. Il tasso di occupazione dei posti letto è fermo al 6% per le aree mediche e sale al 3% per le terapie intensive (una settimana fa 2%). A livello territoriale, in testa, per numero di contagi, c’è la provincia di Pescara, con un’incidenza settimanale dei nuovi casi per centomila abitanti pari a 73 (una settimana fa 79); seguono la provincia di Chieti, con 64 (sette giorni fa 73), e quella di Teramo, con 59 (dato invariato). Chiude l’Aquilano con 34 (una settimana fa 45).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Allarme siccità in Abruzzo: a maggio -87,7% di piogge sulla costa pescarese

“Acclarata l’emergenza idrica nelle regioni meridionali ed insulari, c’è un’allarmante similitudine su quanto si sta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *