Economia circolare, riciclo al 68% in Italia

 L’Italia si conferma leader in Europa nel settore dell’Economia circolare. Il riciclo dei rifiuti ha raggiunto quasi il 68%, il livello piu’ elevato nell’Unione europea. Anche per i rifiuti speciali si registra un altro primato: al 2018 il nostro Paese ha avviato a riciclo la quota maggiore, circa il 75%. Per i rifiuti urbani , nel 2020, l’Italia si attesta al 54,4%, a fronte del 47,8% registrato nell’Ue. Ma attenzione a non adagiarci sugli allori. Investiamo, infatti, ancora poco in ecoinnovazione, dove nel continente siamo solo al 13 posto, e fatichiamo in altri settori, come quello del consumo di suolo e della riparazione di beni. A delineare questo quadro e’ il Rapporto nazionale sull’Economia circolare in Italia 2022, realizzato dal CEN (Circular Economy Network), rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, in collaborazione con Enea. Tra le cinque maggiori economie al centro dell’analisi Italia e Francia fanno registrare le migliori performance di circolarita’, seguite da Spagna, Polonia e Germania. Nel 2020, ultimo anno di dati disponibile, il tasso di utilizzo di materia proveniente dal riciclo nell’Ue e’ stato pari al 12,8%, mentre in Italia il valore ha raggiunto il 21,6%, secondo solamente a quello della Francia (22,2%) e di oltre otto punti percentuali superiore a quello della Germania (13,4%). Il nostro Paese, nel complesso, tiene quindi le posizioni conquistate negli anni, ma allargando lo sguardo a livello globale l’Economia circolare non sembra decollare. Nel mondo, tra il 2018 e il 2020, il tasso di circolarita’ e’ sceso dal 9,1% all’8,6%. Negli ultimi cinque anni i consumi sono cresciuti di oltre l’8%, a fronte di un incremento del riutilizzo di appena il 3%. Sintetizzando: sprechiamo ancora una gran parte dei materiali estratti dagli ecosistemi. Ma c’e’ anche un altro problema: non si riesce, Italia compresa, a centrare l’obiettivo del disaccoppiamento tra crescita economica e uso delle risorse. Cio’ significa che Pil e consumo di materiali viaggiano in parallelo e la ripresa del 2021, dopo lo shock pandemico, mostra come i due valori si stiano riportando sugli stessi livelli precedenti alla pandemia.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’export dei distretti industriali del Sud torna a crescere

Nel primo trimestre del 2022 l’export dei distretti industriali del Mezzogiorno ha ripreso a crescere, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.