Pescara, due arresti per l’omicidio di Walter Albi sulla strada parco

“E’ un fatto criminale che ha scosso la collettivita’ perche’ senza precedenti per la modalita’ e l’efferatezza”. Lo ha detto il procuratore di Pescara, Giuseppe Bellelli, a margine della conferenza stampa relativa agli arresti per l’omicidio dell’architetto Walter Albi, 66 anni, e il ferimento dell’ex calciatore L.C., 49 anni. Presenti alla conferenza stampa, oltre al procuratore Bellelli, i sostituti procuratori Anna Rita Mantini e Andrea Di Giovanni, il questore Luigi Liguori, e il capo della squadra Mobile, Gianluca Di Frischia.

E’ stata disposta la custodia cautelare in carcere per due indagati, uno pescarese e l’altro di origini calabresi e residente a Teramo, a carico dei quali sono emersi gravi indizi di colpevolezza per i reati di cui sopra; in particolare il soggetto calabrese veniva individuato come mandante, mentre quello pescarese come esecutore materiale.

Le indagini, svoltesi nell’arco di circa 4 mesi e riassunte in una complessa ricostruzione di dati informatici, telefonici e di tabulati, hanno corroborato le emergenze probatorie derivanti dall’escussione delle numerose persone informate sui fatti, che nonostante un clima di grave allarme sociale ed un contesto di timore derivante dalla particolare efferatezza dell’azione, hanno permesso di addivenire all’esaustiva ricostruzione dei rapporti tra le vittime e gli indagati attinti dalle odierne misure e del contesto criminale in cui è maturato il delitto.

Il movente oggetto di ricostruzione lascia trasparire un quadro articolato, integrato da ingenti affari economici illeciti, prestiti di denaro non onorati, impegni non mantenuti e operazioni transoceaniche.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Tragico incidente stradale sulla Statale 16 a Vasto, tre morti

Tre morti e un ferito: e’ il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *