Raccolta differenziata al 62 % in Italia

L’Italia va sempre meglio in economia circolare, stando ai dati degli ultimi due rapporti 2019 e 2020 dell’accordo tra Anci e Conai (il Consorzio degli imballaggi) – nei quali si sfiora la media del 62% (61,69%) nella raccolta differenziata con un balzo del 3,5% rispetto agli ultimi dati, arrivando a riciclare a trattare 6,5 milioni di tonnellate. Un quadro che ci pone al secondo posto in Europa, dopo la Germania, per ‘spazzatura’ intercettata in grado di alimentare l’economia circolare. E che pero’ esplode in tutta evidenza “l’assottigliamento” della distanza tra Nord e Sud; pur restando implacabile la carenza del Meridione sul versante della capacita’ di trattamento e del fabbisogno di impianti. E’ per questo che se c’e’ un gap da colmare – osserva il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani – va fatto ora con “uno sforzo molto grande: “Soffriamo di un divario tra regioni. Credo sarebbe molto interessante fare un grande progetto strategico per le due tre regioni che al momento sono molto indietro. Serve un Piano speciale. Se non lo facciamo ora non lo facciamo piu'”. Secondo gli ultimi dati – presentati dall’Anci e dal Conai in un convegno on-line – quasi tutti “i materiali hanno superato gli obiettivi previsti al 2030”, ormai “sostanzialmente raggiunti”, con l’eccezione di carta e plastica che, insieme al legno, “necessitano di incrementi”. Per perseguire i benefici dell’economia circolare – rileva Enzo Bianco, presidente del consiglio nazionale dell’Anci – “serve uno sforzo congiunto” per “colmare il gap” tra le due aree del Paese. L’economia circolare italiana mantiene “un ruolo di leadership nel panorama europeo – afferma Luca Ruini, presidente del Conai – oggi 7 imballaggi su 10 hanno una seconda vita”. La leadership italiana e’ chiara, e lo diventa ancora di piu’ quando Cingolani parla di “parole di stima” da parte degli Usa, con John Kerry, e dell’Ue, con il vicepresidente della commissione Frans Timmermans: parole che sono “un invito forte a far crescere questa nostra leadership; dobbiamo ambire a essere in materia ambientale, qualita’ della vita, nell’industria sostenibile una delle nazioni guida”. Il ministro entra nel dettaglio: il Recovery per l’economia circolare dovra’ essere come un “booster”, in grado di spingere il Paese, e metterlo sulla rotta giusta, con oltre 2 miliardi per fornire “un’accelerazione fenomenale”. Attenzione pero’, avverte Cingolani; perche’ il Piano nazionale di ripresa e resilienza “non si sostituisce alle misure che lo Stato deve mettere in atto con gli enti locali, ma si aggiunge”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

 Bcc Sangro Teatina diventa Bcc Abruzzi e Molise

 Bcc Sangro Teatina diventa Bcc Abruzzi e Molise. La più antica banca delle due regioni, fondata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *