Studio Cresa, ripresa in Abruzzo prosegue a ritmi piu’ contenuti

Produzione al +2,4%, fatturato al +5,5%, export al +8,4% e occupazione al +1,4%: nel terzo trimestre del 2016, secondo il Cresa, prosegue, seppur a ritmi più’ contenuti, la fase di ripresa dell’industria manifatturiera regionale. L’attività produttiva, rileva l’indagine congiunturale, ha registrato un aumento del +2,4% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, scaturito da dinamiche positive in particolare del settore dei mezzi di trasporto, del comparto alimentare e, in parte minore, del tessile-abbigliamento. Contrazioni marcate nell’elettronica e nella lavorazione dei minerali non metalliferi. Gli ordinativi, nel complesso, hanno mostrato un’espansione sia nella componente estera sia in quella interna. A cio’ si è accompagnato un aumento delle vendite e della produzione che, in analogia con i periodi precedenti, è stato più pronunciato per le imprese di maggiore dimensione (+5,5%). Se si considerano i primi nove mesi dell’anno la produzione industriale risulta aumentata in aggregato del 5,2% rispetto al periodo corrispondente. Sono state le imprese con più di 250 addetti a trainare il sistema produttivo regionale (+9,3% rispetto ai primi tre trimestri del 2015) ma è il rafforzamento della positiva dinamica delle imprese di minori dimensioni a richiamare le maggiori attenzioni. Gli ordini dall’estero rivolti alle piccole imprese sono cresciuti dell’11%, accompagnati da un aumento delle vendite e della produzione (+4,3% e +5,9% rispettivamente). Se tali tendenze verranno confermate anche nella fase finale dell’anno, il 2016 potrebbe concludersi per le piccole imprese con un risultato complessivo superiore a quello dell’anno precedente. Nel terzo trimestre 2016 l’attività produttiva delle medie imprese (50-249) ha mostrato una leggera contrazione (-0,9%) che si presenta come momento finale di un processo di progressivo rallentamento nel corso dell’anno. Dopo un secondo trimestre negativo gli ordini dall’estero sono tornati a crescere a ritmi sostenuti (+8,7%); se le attua- li tendenze saranno confermate anche nel prossimo trimestre gli ordini dall’estero potrebbero chiudere l’anno corrente sostanzialmente in linea con il 2015 o, tutt’al più, in leggera decelerazione. Viceversa, la domanda interna nella media annua si rivelerà? probabilmente più contenuta rispetto al 2015 e meno diffusa settorialmente. La dinamica occupazionale resta debole – fatta eccezione per i mezzi di trasporto (+12%) – ma è significativo il suo grado di diffusione tra i settori. Dalle informazioni disponibili sembrerebbero emergere segnali incoraggianti rivelatori, se non di una vera e propria inversione di tendenza, almeno di un arresto della intensa tendenza declinante che perdura ormai da sette anni. Il clima d’opinione degli imprenditori e’ complessivamente positivo, seppur non esteso a tutti i settori. Al di la? della conferma di alcune aspettative (positive per alimentare ed elettronica, negative per i mezzi di trasporto) tra gli imprenditori sembra prevalere una certa mutevolezza di giudizio – rileva il Cresa – che rende di difficile interpretazione il clima d’opinione in questa fase dell’anno.

p. di felice

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, sono 1.345 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Abruzzo

Sono 1.345 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Abruzzo. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.