L’eutanasia della democrazia, il libro di Giuseppe Benedetto presentato a Pescara

Sarà presentato sabato 30 aprile aprile, a Pescara, nella Sala del Consiglio Comunale, l’ultimo libro di Giuseppe Benedetto, presidente della Fondazione Luigi Einaudi. Dopo i saluti introduttivi del sindaco Carlo Masci e del presidente del Consiglio comunale Marcello Antonelli, sono previsti gli interventi del senatore Luciano D’Alfonso e del giudice Lanfranco Tenaglia.

“L’Eutanasia della Democrazia”, Rubbettino Editore, con prefazione di Sabino Cassese, individua nell’abolizione dell’autorizzazione a procedere per i membri del Parlamento, avvenuta sotto l’incessante spinta delle piazze forcaiole seguita alla stagione politica di “Mani pulite”, uno dei passaggi cruciali della nostra democrazia, che ha inciso in modo irreversibile sul rapporto tra i poteri dello Stato.

In quest’opera, oltre alla fedele esposizione del dibattito parlamentare antecedente alla riforma, vi è anche uno scrupoloso lavoro di ricerca sulle guarentigie parlamentari. Quando nacquero? Perché? Cosa prevedono le Costituzioni degli altri Paesi occidentali? Domande essenziali per comprendere l’evoluzione della nostra democrazia. La risposta del libro è che siamo un unicum nel panorama mondiale.

Nella sua prefazione, il prof. Sabino Cassese scrive: “Ripercorrere il dibattito del 1992-1993 consente di ricostruire gli elementi che influenzarono una decisione affrettata. Valutare comparativamente il regime delle garanzie per i parlamentari consente di comprenderne il ruolo in tutte le democrazie moderne. Di qui il merito di questo libro, che riporta all’attenzione dell’opinione pubblica un tema importante per il futuro della nostra democrazia”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Presentato il progetto “Cineager” Adolescenza, Realtà e web +++ VIDEO +++

Presentato nell’aula magna della Scuola secondaria di primo grado “Ugo Foscolo” a Pescara, il progetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *