Ciccone protagonista al Giro d’Italia con uno splendido successo

Giulio Ciccone, 24enne abruzzese della Trek-Segafredo, entra nella maxi-fuga di giornata al Giro d’Italia, doma il ‘mostro’ Mortirolo, la montagna Pantani che lo consacra maglia azzurra di leader degli scalatori, e si aggiudica in una volata a due sul ceco Jan Hirt (Astana) la tappa numero 16, la Lovere-Ponte di Legno di 194 chilometri. Un’autentica impresa quella del corridore di Chieti, gia’ vincitore al Giro nel 2016 a Sestola, resa ancor piu’ epica dalla pioggia e dal freddo, condizioni proibitive che hanno costretto la cancellazione del passaggio sul Gavia.  Sulle prime rampe del Mortirolo, ai -34 dall’arrivo, il siciliano della Bahrain-Merida, sempre coadiuvato dai suoi preziosi luogotenenti, accende la corsa con uno scatto dei suoi, ai quali rispondono lo stesso Carapaz, Carthy e Landa.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ciclismo, il Trofeo Matteotti salta per il 2022

“Il Trofeo Matteotti non si fara’ almeno per quest’anno: sofferta la decisione presa dagli organizzatori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.