Carbone (Azione): No ad altri centri commerciali, puntiamo su poli servizi innovativi.

“È approdato in commissione regionale  il progetto di legge  di riqualificazione delle aree produttive  dismesse, se la proposta di legge sarà quella di realizzare  poli del divertimento, dell’innovazione tecnologica, dei servizi, saremo i primi a sostenerlo,  ma se si riapre il fronte degli insediamenti commerciali e la norma dovesse essere usata come pretesto  per l’apertura di nuovi centri commerciali, saremo pronti a mettere davanti barricate, anche perché le decisioni passeranno attraverso i comuni”. Lo afferma Alessandro Carbone, Coordinatore Azione Provincia di Chieti.

“Azione sarà insieme  ai commercianti, agli esercenti e agli artigiani, perché sopratutto  Chieti così come tutta la provincia, penso al territorio di San Giovanni Teatino, ha bisogno di innovazione, non di altri centri commerciali camuffati sotto altre spoglie.  La grande distribuzione ha fatto il suo tempo aggiunge, il coordinatore provinciale di Azione Alessandro Carbone  e ormai si moltiplicano i casi di licenziamenti, mobilità e cassa integrazione: il modello del centro commerciale non funziona più.  Siamo convinti che il nostro territorio  abbia le carte in regola per ospitare un grande progetto di innovazione economica sfruttando al massimo le aree dismesse, creando ad esempio, una culla per le start up innovative che guardino allo sviluppo sostenibile attraendo anche risorse del Recovery plan,   che nulla puo’ avere a che fare con altre gallerie commerciali di cui non si avverte minimamente il bisogno”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sulmona, al via il contest fotografico: Scatti di donna, le 1001 attività quotidiane delle donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *