Chiusura distretto asl di Chieti Scalo, il PD: la chiusura atto scellerato

“Riteniamo che la chiusura del distretto sanitario della Asl in via de Litio a Chieti Scalo sia un atto irresponsabile e assolutamente dannoso per i cittadini di Chieti, che saranno costretti a recarsi  per le prestazioni specialistiche, Cup, scelta e revoca in via Tiro a segno 8, nella sede dell’ex ospedale”, lo afferma in una nota il Partito Democratico della provincia di Chieti.

“Seppur i locali del distretto non erano ritenuti del tutto adeguati, pensiamo che fosse necessario prima trovare una sede alternativa e non privare un bacino di circa 30 mila persone di un servizio indispensabile soprattutto per anziani e malati. E non riteniamo nemmeno sufficiente la pubblicazione, avvenuta pochi giorni fa,  da parte della direzione della Asl,  dell’ avviso per la ricerca di nuovi locali con scadenza il 29  novembre prossimo, un lasso di tempo eccessivo , per una soluzione definita temporanea, anche perché le eventuali decisioni e la messa a norma degli eventuali locali che fossero ritenuti idonei richiederà un tempo molto lungo. A ciò si aggiunge che alcuni cittadini hanno riferito che nessun avviso era stato affisso nei locali del distretto per la cittadinanza, lasciando quindi la comunicazione al web o alla stampa. La foto sui social (dal profilo ufficiale della Asl Chieti, Lanciano, Vasto) del direttore sorridente di fronte a un imminente chiusura del distretto è evocativa del fatto che probabilmente non ci si renda conto che di fatto si stia privando la cittadinanza di un punto  fondamentale per la salute. In passato con Silvio Paolucci avevamo sempre  evitato questo atto scellerato, programmando di compierlo solo con l’immediata disponibilità di locali idonei al trasferimento contestuale del distretto, locali che erano stati individuati inizialmente presso il Ciapi , poi messi a disposizione dell’Istituto d’arte; in seconda battuta si era individuata la sede del Comando stazione dei Carabinieri di via Ricciardi, una volta che la stessa si fosse trasferita all’interno della Rebeggiani . Di certo, non ci vuole granché chiudere sine die un servizio per migliaia di persone per dire che prima o poi riaprirà. Alla fine di un anno di governo, la destra sulla sanità ha prodotto una sola scelta. Ovvero la chiusura del distretto di Chieti scalo. Questa è la destra per Chieti. Riteniamo necessario che la Asl si adoperi per accelerare il più possibile la procedura e ripristinare il distretto a Chieti Scalo.Riteniamo che la chiusura del distretto sanitario della Asl in via de Litio a  Chieti Scalo sia un atto irresponsabile e assolutamente dannoso per i cittadini di Chieti, che saranno costretti a recarsi  per le prestazioni specialistiche, Cup, scelta e revoca in via Tiro a segno 8, nella sede dell’ex ospedale”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ortona, Di Nardo: la maggioranza dimostra disprezzo delle regole anche in piena emergenza

"Ancora una volta la maggioranza del Comune di Ortona dimostra di avere due fondamentali caratteristiche genetiche: l'assoluto disprezzo per le regole e il più totale disinteresse per le necessità della nostra comunità. Anche in un momento di grande difficoltà economica e sociale come quello che stiamo attraversando". Lo afferma il consigliere comunale Angelo Di Nardo, capogruppo di Fratelli d’Italia, Lega e lista Libertà e Bene Comune per Ortona, dopo la burrascosa chiusura della seduta consiliare di ieri.

"Abbiamo dovuto richiamare la maggioranza al rispetto di quella disciplina che essa stessa si era data e per la quale si era battuta con forza: una volta raggiunto l'orario previsto dal regolamento il Consiglio comunale doveva essere sospeso e riconvocato ed è esattamente quello che abbiamo chiesto. I puerili tentativi di addossare a noi la responsabilità della loro inettitudine lasciano il tempo che trovano. E' ormai evidente che dietro ai fiumi di parole si nasconde una totale incapacità di amministrare la città, un'incapacità di cui siamo tutti vittime ogni giorno. La maggioranza è arruolata e compatta soltanto quando si tratta di bocciare, in maniera arrogante e pregiudiziale, le proposte che arrivano dalle opposizioni - prosegue Di Nardo - lo ha fatto anche ieri con il voto contrario alle tre proposte per cui avevamo chiesto la convocazione di un consiglio comunale urgente. Niente soldi alle associazioni, dunque, niente aiuti ai commercianti e agli agricoltori della ex zona rossa di Caldari. Certi capitoli di spesa, soprattutto quello riguardante le spese istituzionali, sono intangibili. Per gli Ortonesi, che si stanno confrontando con una crisi epocale e di cui non si intuiscono ancora i reali confini, è un altro schiaffo, violento. Che arriva da una maggioranza completamente avulsa dalle reali esigenze del territorio. Noi, invece, continueremo a batterci affinchè nessuno venga lasciato indietro, perché ci sia, da parte pubblica, un sostegno autentico alla ripartenza, con contributi economici mirati all'aiuto di famiglie, piccole imprese, artigiani e commercianti che hanno bisogno di una spinta più forte. Ecco, ad esempio, con la stagione turistica alle porte noi non sappiamo né come, né con quali prospettive la nostra città potrà rimettersi in moto. Si tratta di un comparto trainante, anche per l'indotto che crea, verso il quale la maggioranza dimostra ancora una volta totale disinteresse. Infine - conclude Angelo Di Nardo - voglio ringraziare tutti i colleghi della minoranza che mi hanno indicato come membro effettivo del Comitato di Gestione delle Riserve Naturali Regionali 'Ripari di Giobbe' e 'Punta Acquabella': si tratta di due aree che rappresentano un patrimonio ambientale preziosissimo per la nostra comunità. Ho intenzione di portare il mio impegno, le mie idee e il mio contributo costante per progettare una gestione virtuosa di due magnifiche risorse, spesso trascurate, di questo territorio".

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *