Fondazione Pescarabruzzo sostiene il restauro di quattro tele della Chiesa San Nicola di Bari di Cerratina a Pianella

Al via i lavori di restauro di quattro tele contenute nella Chiesa parrocchiale San Nicola di Bari, nella frazione di Cerratina di Pianella, grazie al contributo della Fondazione Pescarabruzzo che ha risposto alla richiesta di sostenere l’iniziativa del parroco, don Cristian Evangelista, su suggerimento dell’Avv. Loris Di Giovanni.

La chiesa di San Nicola di Bari è stata realizzata nella prima metà del Settecento dai frati francescani in stile barocco. Le tele destinatarie dell’intervento di restauro sono poste ad ornamento degli altari laterali e dell’altare maggiore, raffiguranti rispettivamente San Nicola di Bari, La Madonna Addolorata, San Vincenzo Ferrer, L’Immacolata, con connotazioni espressive di notevole rilievo artistico.

Dalla valutazione della restauratrice Cornelia Dittmar, della Restauro Dipinti – incaricata dei lavori su autorizzazione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Chieti e Pescara – i quattro dipinti, realizzati ad olio su tela, presentano uno stato di conservazione mediocre con numerose lacerazioni, sollevamenti e cadute di materia nonché difetti di coesione degli strati pittorici; i valori cromatici e formali delle opere sono inoltre offuscati da consistenti depositi superficiali incoerenti, da vernici alterate e da colature di materiali di varia natura presenti sulle superfici.

«Siamo orgogliosi di portare avanti con sensibilità costante il recupero di opere d’arte di grande valore presenti sul nostro territorio, che meritano di tornare al loro originale splendore e di essere fruibili al pubblico di fedeli e non solo», ha dichiarato il Presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Nicola Mattoscio, che precisa ancora come, «questi ultimi restauri arricchiscono un progetto pluriennale della Fondazione che ha coinvolto tutti i comuni pescaresi e non solo, consentendo il restauro di oltre cento opere, in una vera e propria attività mirata al recupero ma anche al loro svelamento e valorizzazione».

I lavori di restauro avranno una durata di diversi mesi e, al termine, saranno seguiti dalla scopertura delle tele recuperate a beneficio dell’intera cittadinanza, che ritornerà in possesso di opere attribuibili a Giuseppangelo Ronzi, per i dipinti di San Nicola di Bari e dell’Immacolata (databili XIX secolo), a Nicola Ranieri di Guardiagrele, per il dipinto raffigurante la Madonna Addolorata (tra XVIII e XIX secolo), mentre è attribuibile ad ambito locale la tela dedicata a San Vincenzo Ferrer.

Foto:  i dipinti nello stato attuale raffiguranti San Nicola di Bari, L’Addolorata, San Vincenzo Ferrer e L’Immacolata.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Natale insieme: le iniziative dell’Associazione Culturale pORTAperta di Piano d’Orta

L’Associazione Culturale pORTAperta, in collaborazione con il supermercato Todis di Piano d’Orta, vi aspetta alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *