Il Comune di Pescara presenta SUperD lo Sportello Unico per la Disabilità

Questa mattina l’assessore Nicoletta Di Nisio in Conferenza Stampa, unitamente a Carlo Masci, Sindaco di Pescara, Roger VisiniMarco Canale e Nando D’Agostino dell’associazione “Sport21” ha presentato “SUperD – Sportello Unico per la Disabilità” che svolge attività di informazione e gestione di pratiche burocratiche per persone affette da disabilità.

Lo sportello sarà gestito dall’associazione Sport 21 Abruzzo, associazione di volontariato senza scopo di lucro.

Finalità dello sportello

– attività di informazione e gestione di pratiche burocratiche

– essere informati per ottenere eventuali benefici in tema fiscale

– ogni utile informazione ed assistenza che possa essere necessario per garantire una piena integrazione sociale delle persone affette da disabilità

Accedendo allo sportello si potranno ottenere quindi informazioni riguardanti diritti ed agevolazioni;  assistenza e consulenza per la compilazione di pratiche burocratiche; assistenza ed inoltro di segnalazioni rivolte agli uffici comunali;  assistenza per richieste e/o attività in ambito sanitario.

In sostanza uno “Sportello” che sia innanzitutto di ascolto sia delle persone che delle loro problematiche, ma anche di indirizzo verso quali siano poi gli Enti e le procedure necessarie per la loro risoluzione. Lo “Sportello” sarà anche di raccordo tra le varie associazioni operanti sul territorio nel campo del Volontariato che si occupa di queste tematiche.

Lo “Sportello” sarà aperto in Piazza Italia n° 14, piano terra (nel palazzo ex INPS di fronte l’ingresso principale del Comune) negli stessi locali dove è stato istituito lo sportello “Simon Bolivar” che eroga servizi rivolti a cittadini italo-venezuelani e venezuelani che si trovano sul territorio italiano.

In via sperimentale sarà attivato nei pomeriggi del martedì e giovedì dalle ore 14:30-17:00  e risponde al numero 085 4283 852

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Truffa dei contributi Covid-19, artigiani e commercianti sporgono denuncia

Avrebbero chiesto di versare una somma da mille a 4 mila euro, per non perdere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.