Pescara, il Gruppo Consiliare Provincia in Comune: con giunta Marsilio 33 milioni di euro sottratti

“Ritenuto necessario procedere ad una riprogrammazione che, scongiurando il rischio di definanziamento degli interventi, ne metta in sicurezza le relative risorse, garantendo, in tal modo, la disponibilità a favore delle esigenze emergenziali presenti sul territorio regionale e la realizzazione degli interventi ritenuti strategici”.

“È con queste elusive parole che la Giunta Marsilio, con la Delibera n. 416 del 15/07/2020 ha deciso di disporre a proprio piacimento di € 18.786.000,00 (dei 20 milioni previsti) del finanziamento Masterplan destinato alla valorizzazione turistica del comprensorio di Passolanciano – Majelletta e di € 8.370.000,00 (dei 9 milioni previsti) del finanziamento Masterplan per la sistemazione e recupero funzionale SR 539, SP 58 e SP 60 per il raggiungimento del giacimento turistico-religioso del Volto Santo di Manoppello”. Lo affermano i componenti di Gruppo Consiliare Provincia in Comune in Provincia di Pescara a margine di una riunione alla quale hanno partecipato anche altri esponenti politici e sindaci.

“Per queste ragioni i consiglieri del Gruppo “Provincia in Comune” hanno convocato una conferenza stampa questa mattina per illustrare l’ennesima sottrazione di fondi destinati alla Provincia di Pescara da parte della Giunta Regionale Marsilio. In meno di due anni di amministrazione, la Regione Abruzzo ha sottratto alla Provincia di Pescara 6,6 milioni di euro alla Loreto Penne e 27.156.000 milioni di euro all’Alta Val Pescara, ben €33.656.000 di finanziamenti che erano destinati a progetti già definitivi per il territorio!”.

Domenico Vespa – Capogruppo “Provincia in Comune”: “Il Presidente Marsilio ha partecipato agli Stati Generali della Montagna sostenendo la necessità di concentrare risorse e servizi sulle aree montane…salvo poi approvare la Delibera che toglie 18 milioni di euro alla valorizzazione turistica del comprensorio di Passolanciano – Majelletta. Davvero non si comprende il motivo per cui, sul bacino sciistico della Majella si azzardi un’operazione così pericolosa per il futuro dell’area! E in tutto ciò in Provincia abbiamo un Presidente assente che non ha minimamente difeso le risorse stanziate per il territorio provinciale ed ha acconsentito questo scippo”.
Gianni Chiacchia – consigliere provinciale “Provincia in Comune”: “Fondi preziosi, ottenuti dalla precedente Giunta guidata dal presidente Luciano D’Alfonso e destinati a progetti attesi da oltre 30 anni dalle amministrazioni e dalle attività turistiche locali operanti nel comprensorio, oggi vengono distolti dalla loro finalità.. Come consiglieri provinciali constatiamo, con preoccupazione, l’ennesimo atteggiamento indifferente e assente del Presidente della Provincia Antonio Zaffiri e il silenzio assordante di alcuni sindaci di centrodestra, tra i quali il sindaco di Scafa Maurizio Giancola che è anche Vice Presidente della Provincia”.
Antonio Di Marco – Presidente emerito della Provincia di Pescara: “Il gran lavoro strutturato dal Presidente della Regione Luciano D’Alfonso, con la programmazione dei finanziamenti Masterplan, era volto a rilanciare il comprensorio del bacino sciistico della Maielletta e il giacimento turistico-religioso del Volto Santo di Manoppello, anche attraverso un miglioramento della viabilità provinciale, con il passaggio ad ANAS delle competenze di alcune arterie viarie e in connessione con l’uscita autostradale di Scafa; così facendo sarebbe stata potenziata la funzionalità infrastrutturale e la fruibilità turistica dell’intera alta Val Pescara. Dopo questo attacco alla Provincia di Pescara da parte della Giunta Regionale, che prima toglie 6,6 milioni di euro all’area vestina e ora sottrae 27 milioni di euro all’Alta Val Pescara, invito il Presidente Antonio Zaffiri ad aprire un confronto istituzionale e politico con questa Giunta regionale, affinché le risorse stanziate con il Masterplan da Luciano D’Alfonso non siano definitivamente dissipate e perse e anzi, vengano subito rimpinguati i capitoli che sono stati svuotati dall’atto di giunta del 15 luglio 2020. La motivazione della Delibera di Giunta n. 416/2020 che stabilisce la riprogrammazione degli interventi, non si limita alla necessità di far fronte alle esigenze emergenziali del territorio legate all’emergenza del Covid-19, ma fa riferimento anche a generici e non specificati “interventi ritenuti strategici”, il che lascia pensare ad una libera riprogrammazione su altri interventi! Auspico che la Provincia di Pescara attivi un tavolo politico per avere certezza della riattribuzione delle risorse che avevamo programmato. Sono certo che la situazione sarà attenzionata anche dai nostri consiglieri regionali. Fa davvero sorridere vedere come coloro che consideravano i fondi Masterplan delle “favole”… oggi ne dispongano a proprio piacimento … dimostrazione che questi finanziamenti erano reali”
Simone D’Alfonso – Sindaco di Lettomanoppello: “Non si possono sottrarre, soprattutto in questo periodo, fondi già programmati per investimenti sul territorio, ritenendo necessario utilizzarli per “interventi ritenuti strategici”… ma più strategici di quelli già programmati dalla precedente amministrazione regionale e già interessati dall’avvio di una progettazione? Siamo davvero amareggiati. Qual è la strategia territoriale di questa Giunta Regionale? Il Presidente Marsilio e gli Assessori regionali ci devono chiarimenti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Blutec, Fiom-Cgil: il Ministero dello sviluppo economico convochi incontro con Invitalia, commissari e regioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *