Chieti, 74enne assolto dall’accusa di essere un ‘falso invalido’

Il giudice monocratico del Tribunale di Chieti, Enrico Colagreco, ha assolto “perché il fatto non sussiste” dall’accusa di truffa aggravata continuata un 74enne di Casalincontrada. L’accusa aveva chiesto la condanna a due anni di reclusione. L’uomo venne rinviato a giudizio nel dicembre 2016 perché, secondo l’accusa, avrebbe simulato la totale incapacità di deambulare come conseguenza permanente di un infortunio avvenuto nel settembre 1991 mentre si recava in auto al lavoro.

Durante il processo una perizia d’ufficio sollecitata dall’avvocato difensore Roberto Di Loreto, supportato dal proprio consulente di parte, il medico legale Giorgio Murmura, ha stabilito che le condizioni dell’uomo, che vive su una sedia a rotelle, fossero totalmente incompatibili con i lavori e le attivita’ che gli venivano contestate nel capo di imputazione ovvero lavori con attrezzi da muratore. L’indagine era partita della denuncia di un vicino di casa. Nel frattempo le indennita’ delle quali l’uomo beneficiava gli sono state revocate. “Finalmente – ha commentato l’avvocato Di Loreto – e’ stata fatta giustizia a favore di una persona che da anni vive in una condizione di grande disagio e sofferenza”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, gli operatori del 118 all’aeroporto di Pescara

Gli operatori del 118 di Chieti dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *