Scuola, Nardocci: Questo deve essere l’anno del ritorno alla normalità

“Questo deve essere l’anno del ritorno alla normalita’, alla socializzazione e del piacere di stare a scuola”, cosi’ Massimiliano Nardocci, il nuovo direttore generale USR Abruzzo, (Ufficio Scolastico Regionale) a pochi giorni dal ritorno in classe degli studenti abruzzesi. “C’e’ una grande voglia di rientrare in classe. E’ tempo di concentrarsi sulle attivita’ didattiche per il recupero delle competenze che, nei due anni passati di pandemia, hanno subito un danno”, continua Nardocci. Si sono concluse in tempo utile per un ordinato inizio delle lezioni le operazioni di avvio dell’anno scolastico. Le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente sono state ben 998, grazie alla tempestiva conclusione di 26 procedure concorsuali. Le nomine a tempo determinato sono state 3213. “Il sistema scolastico abruzzese per quanto riguarda le iscrizioni e’ in calo, soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia, dove si registrano circa 1000 studenti in meno”. Un problema di natura demografica che fa registrare complessivamente 2468 presenze in meno rispetto all’anno precedente. Nonostante la contrazione e’ stato mantenuto lo stesso contingente di docenti in servizio, provvedendo ad una riduzione del numero di alunni per classe, giungendo ad una media regionale di 19,3 studenti per classe. “Si tratta di un risultato incoraggiante che allontana il rischio delle cosiddette ‘classi pollaio.'”. Per questo anno scolastico il totale dei docenti in servizio su posti comuni ammonta a 15.841, unitamente a 5.645 posti di sostegno. Sono invece, 165.148 gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado che il 12 settembre, data ufficiale stabilita dal calendario regionale, torneranno in aula. Il totale degli studenti della provincia di Chieti e’ di 47.839; 43670 nella provincia di Pescara; nella provincia di Teramo 38.448; 35.200 gli studenti della provincia aquilana. La contrazione totale del numero degli alunni di 2.468 nella regione e’ stata maggiore nella provincia di Chieti con 1.203 alunni in meno rispetto all’anno precedente; segue Pescara con 604 studenti in meno, L’Aquila con meno 485 studenti e Teramo con meno 176 alunni. In questa provincia si registra tuttavia una contrazione minore in virtu’ dell’inserimento degli alunni di cittadinanza ucraina, concentrati prevalentemente nell’area costiera

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ex patron del Gruppo Metec assolto dalle accuse di frode fiscale

Si è concluso con un’assoluzione il processo davanti al Tribunale di Pescara per frode fiscale a carico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *