Chieti, controlli con le telecamere per prevenire lo spaccio di droga

Un protocollo d’intesa finalizzato alla prevenzione e allo spaccio di stupefacenti nei pressi delle scuole per l’anno scolastico 2020/2021 e’ stato firmato a Chieti in prefettura dal prefetto Giacomo Barbato e dal sindaco Umberto Di Primio. Al Comune per la realizzazione del progetto ”Scuole sicure” il Dipartimento di pubblica sicurezza ha concesso un contributo di 29.652,34 euro che verra’ utilizzato per l’attivazione di 40 telecamere fisse e 7 sistemi di controllo e archiviazione immagini. Le telecamere verranno installate sia nei pressi dell’ingresso delle scuole sia in aree limitrofe gia’ monitorate dalle forze dell’ordine, la raccolta delle immagini avverra’ nel comando della Polizia locale che effettuera’ un servizio settimanale di sorveglianza negli orari di ingresso e uscita degli studenti. Sette gli Istituti superiori di Chieti compresi nel progetto. Tra le azioni di contrasto allo spaccio riguardo agli studenti del primo biennio sono previste campagne educative. Sara’ lanciata un’iniziativa sul tema delle tossicodipendenze nell’ambito della quale gli studenti realizzeranno elaborati artistici. ”Finalmente portiamo in porto un progetto che dara’ piu’ sicurezza ai cittadini – ha detto Di Primio – che ci aiutera’ a combattere lo spaccio e ci aiutera’ a rendere consapevoli i giovani che la droga continua a essere qualcosa che non va usata e l’erba e’ roba da conigli”. Barbato, che e’ stato trasferito a Roma, ha parlato di bilancio ”estremamente positivo e di grande soddisfazione”. ‘

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, indagine della Asl di Pescara sulle code per i tamponi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *