Colf e badanti, la ricerca si basa sul passaparola

Il welfare e l’assistenza per le famiglie italiane sono basati quasi esclusivamente sul ‘fai da te’. E’ quanto emerge dal report ‘Le famiglie fanno da sole: la carenza di intermediazione nei servizi domestici e nell’assistenza’, il terzo elaborato nell’ambito del progetto Welfare familiare e valore sociale del lavoro domestico in Italia realizzato dal Censis per Assindatcolf, l’associazione che raggruppa i datori di lavoro domestico. Tra i canali per la ricerca del personale domestico, e’ il passaparola il metodo piu’ utilizzato. A ricorrervi sono il 76,4% delle famiglie che hanno bisogno di una colf, il 70,8% nel caso delle badanti, il 61,6% per le baby sitter, a dimostrazione di come, in questa ricerca, le famiglie tendano ad adottare una logica di prossimita’, ricorrendo prevalentemente alla propria rete di conoscenze dirette e utilizzando meno i canali specializzati (agenzie per il lavoro, piattaforme online), percepiti come poco accessibili e piu’ costosi. La rilevazione ha riguardato un campione di famiglie associate a Assindatcolf.

Nel caso delle colf l’82% delle famiglie ha trovato nel lavoratore una effettiva corrispondenza con le competenze richieste e l’area dell’insoddisfazione (che puo’ portare anche alla decisione del licenziamento) si ferma al 18%. Nel caso delle badanti, il disallineamento tra attese e qualita’ professionali della persona impiegata riguarda invece un terzo delle famiglie, il 33,8%. Nel caso delle baby sitter, al 76,2% di famiglie soddisfatte si contrappone quasi un quarto di insoddisfatte. Il livello di soddisfazione e’ minore tra i datori di lavoro piu’ giovani, under 55 anni. Tra questi, il 22,7% ha riscontrato un certo grado di inadeguatezza rispetto a quanto ci si aspettava dalla colf assunta e l’1,6% sta pensando di procedere alla sostituzione. Tra chi rientra in questa classe di eta’, nel caso delle badanti assunte, gli insoddisfatti arrivano al 41%. Ricorre agli strumenti di assistenza pubblica poco meno della meta’ delle famiglie in cui sono presenti anziani bisognosi o persone non autosufficienti. Tra gli strumenti piu’ utilizzati c’e’ l’indennita’ di accompagnamento (42,1%), mentre le altre tipologie restano tutte sotto la soglia del 10%. L’assistenza domiciliare integrata, un complesso di attivita’ sanitarie e socio-assistenziali offerte a domicilio sulla base di un programma personalizzato, che si pone in alternativa al ricovero in ospedale e permette alle persone non autosufficienti di restare in famiglia, e’ stata indicata solo dall’8,2%. E appena il 3,9% accede all’assistenza domiciliare programmata, un servizio che il medico di medicina generale effettua presso il domicilio di un paziente.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Avezzano, condannato palpeggiatore seriale 

Avrebbe palpeggiato le donne passando in bicicletta in centro ad Avezzano. L’uomo è stato oggetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.