Commissionano funerale, ma e’ una truffa, denunciati in tre

Si e’ presentata per telefono all’impresa di pompe funebri che opera nell’area teatina commissionando l’organizzazione di un funerale per sua madre ormai in fin di vita. In realta’ una donna 30enne di Montesilvano e due complici, un 25enne campano e un cinquantenne di San Giovanni Teatino, avevano organizzato una truffa che all’impresa e’ costata duemila euro ovvero la somma pattuita a titolo di acconto. La donna, nel commissionare il funerale, ha infatti prospettato alcune difficolta’ di pagamento tramite bonifico perche’ il fratello, che avrebbe dovuto contribuire alla spesa, ha sostenuto la donna, e’ un “cattivo pagatore”.

E dunque lei doveva necessariamente anticipare la somma tramite la ricarica di una carta prepagata. Per fare cio’ ha dunque invitato l’impresaria dell’agenzia funebre a recarsi con la propria carta bancomat alla piu’ vicina banca e a digitare alcuni codici che le sarebbero serviti per la stampa di un vaglia di accredito da presentare all’istituto di credito per l’immediato ritiro del denaro contante. Ma i quattro codici altro non erano, in realta’, che i seriali di carte prepagate sulle quali la vittima ha inconsapevolmente versato circa duemila euro. A questo punto, resasi conto del raggiro, la donna ha denunciato il fatto ai carabinieri che hanno avviato indagini e sono risaliti agli intestatari delle carte.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Abruzzo capitale del cicloturismo italiano per due giorni

Il mondo del cicloturismo italiano si ritrova in Abruzzo per una due giorni che di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *