Coronavirus, l’Asl Lanciano-Vasto-Chieti aprira’ un nuovo ”drive in” a Gissi

 L’Asl Lanciano-Vasto-Chieti aprira’ un nuovo ”drive in” il 15 ottobre prossimo a Gissi, completando in tal modo la rete dei drive in provincia di Chieti dove dal primo luglio al 3 ottobre scorsi si contano 227 persone positive al Coronavirus, eta’ media 43 anni, con un aumento evidente ad agosto e settembre. Nello stesso periodo sono stati eseguiti 3.927 tamponi nei ”drive in” allestiti dalla Asl, di cui 2.195 all’Ospedale di Ortona e 1.732 davanti a quello di Atessa. Negli ultimi giorni c’e’ stato tuttavia un sensibile incremento, con una media tra i 600 e gli 800 test quotidiani. Secondo lo studio, elaborato dal Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria, diretto da Giuseppe Torzi, nei tre mesi presi in considerazione sono state ricoverate 19 persone negli ospedali della provincia: 13 nel reparto di Malattie infettive di Chieti e quattro in quello di Vasto, uno nella Clinica pediatrica e un altro nell’Unita’ coronarica del ”SS. Annunziata” di Chieti. Al 9 ottobre risultavano nove i ricoverati, piu’ due trasferiti al Covid Hospital di Pescara. Oggi il dato sale a 13 ricoverati, di cui 10 nella Clinica di Malattie infettive teatina (che ha dimesso cinque persone nelle ultime 48 ore) e tre nel reparto di Vasto. Stando ai dati, i Comuni con la maggiore presenza di casi rispetto alla popolazione sono quelli che fanno parte del distretto sanitario Alto Vastese, con 30 positivi e un’incidenza pari a 190 positivi ogni 100mila abitanti. Seguono i Comuni dei distretti di Chieti con 37 casi (e un’incidenza di 73 per 100mila abitanti), Francavilla al Mare con 34 casi (incidenza pari a 60), Vasto Costa Sud con 40 (incidenza 46), Sangro Aventino con 23 (46), Ortona con 16 (46), Lanciano con 24 (39) e Guardiagrele con 7 casi (e un’incidenza di 22 su 100mila abitanti). Al nuovo ”drive in” di Gissi si possono recare quanti risiedono o sono domiciliati in un Comune del Chietino e hanno la prescrizione medica per il tampone, chi rientra dai Paesi per i quali e’ previsto l’obbligo del test molecolare o antigenico e chi torna in Abruzzo dalle altre regioni italiane, escluso il Molise. Complessivamente, dall’inizio della pandemia, lo scorso mese di marzo, al 3 ottobre sono stati 1.155 i casi di Covid-19 in provincia di Chieti, di cui 1067 residenti e 88 non residenti, con un tasso di incidenza sulla popolazione pari a 296 casi ogni 100mila abitanti.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

 Violano la quarantena per andare a fare degli acquisti, denunciati 2 coniugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *