Maltempo, vertice della Protezione Civile sulle situazioni

Vertice operativo tra il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, il Commissario per la ricostruzione e i Presidenti delle Regioni Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria nella Dicomac-Direzione di comando e controllo. “Dal punto di vista operativo stiamo certamente migliorando la situazione”, ha detto Curcio nel corso di un successivo incontro con la stampa. L’impegno delle componenti e delle strutture operative del sistema di protezione civile continua senza sosta “con oltre 8300 unita’ e piu’ di 3mila mezzi”, ha specificato il Capo Dipartimento.

“Si lavora in condizioni estreme”, ha sottolineato Curcio, per evacuare quanti si trovano in situazioni a rischio, per rifornire di viveri e medicinali le persone in difficolta’, per liberare la viabilita’ principale e secondaria in modo da consentire l’accesso alle frazioni, per ripristinare le utenze ancora disalimentate. Tra oggi e domani, ha aggiunto il Capo Dipartimento, scatteranno inoltre “tutta una serie di attivita’ di verifica per determinare la stabilita’ dei versanti nevosi: ci attendono giornate speriamo meno drammatiche ma altrettanto difficili”. Per quanto riguarda le attivita’ di ricerca e soccorso, la situazione del complesso scenario operativo dell’hotel Rigopiano conta 9 estratti vivi, cui si aggiungono le 2 persone recuperate giovedi’ all’esterno della struttura, e 5 vittime accertate. A questi deceduti purtroppo si aggiungono altre 5 vittime, tutte in Abruzzo, trovate nei comuni di Crognoleto, Campotosto, Castel Castagna e Rocca Santa Maria. A partire dalla mattinata di oggi sono stati effettuati recuperi ed evacuazioni – sia via terra, sia con mezzi aerei – a Pozza di Acquasanta, a Prati di Tivo  e a Crognaleto.

Sul fronte del ripristino dell’energia elettrica, le utenze disalimentate sono attualmente scese a 27mila inAbruzzo e a meno di 600 nelle Marche.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Molesta una commessa, arrestato un 40enne nel Chietino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *