Montesilvano, 38enne arrestato per usura

E’ accusato di aver praticato usura con tassi fino al 400%. Per questo i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Pescara, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Montesilvano, hanno arrestato un 38enne residente a Montesilvano in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa da Gip del Tribunale di Pescara su richiesta della Procura delle Repubblica.

L’uomo e’ indiziato di aver posto in essere una serie di attivita’ di usura ed estorsione nei confronti di un imprenditore teramano, in gravi difficolta’ economiche e finanziarie. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a fronte di iniziali prestiti con tassi d’interesse che andavano dal 100% al 400% annuo e dopo che l’imprenditore non e’ riuscito a rispettare le scadenze imposte, il 38enne ha messo in atto una serie di azioni minacciose ed estorsive, fino a farsi assumere formalmente, ma fittiziamente, presso l’azienda, e percependo anche la retribuzione e attestando all’Autorita’ Giudiziaria la posizione lavorativa per ottenere la concessione di misure alternative alla detenzione in carcere, in relazione a una precedente condanna.

Oltre al 38enne, risultano indagate a vario titolo altre sei persone delle province di Pescara, Teramo e Milano, nei confronti delle quali i Pm titolari dell’indagine, Andrea Papalia e Benedetta Salvatore, hanno disposto perquisizioni domiciliari.

Il provvedimento della magistratura ha disposto il sequestro preventivo nei confronti del 38enne e di altri tre indagati, di 350mila euro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, gli operatori del 118 all’aeroporto di Pescara

Gli operatori del 118 di Chieti dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *