Nove lavoratori in nero scoperti in un ristorante di Silvi nel Teramano

Nove lavoratori in nero impiegati in un ristorante questo fine settimana a Silvi Marina sono stati individuati durante controlli dei carabinieri dei nuclei Ispettorato del lavoro (Nil) di Teramo e Antisofisticazioni e sanità (Nas) di Pescara. I militari hanno elevato sanzioni per oltre 8mila euro. È stata disposta la sospensione dell’attività imprenditoriale con una sanzione amministrativa di oltre 48mila euro per i lavoratori che sarebbero irregolari. I militari del Nas hanno riscontrato anche carenze igienico-sanitarie nel locale e omesse attuazioni della normativa relativa all’Haccp. È stata inoltre riscontrata l’omessa tracciabilità dei prodotti con relativo sequestro e distruzione di oltre 1.500 chilogrammi di alimenti, cui ha fatto seguito una sanzione amministrativa di 4500 euro.

Nel ristorante sono state riscontrate anche diverse irregolarità riguardanti il rispetto delle norme antinfortunistiche a tutela dei lavoratori. Tra queste la mancanza della prescritta cassetta di primo soccorso, la mancata formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, la mancata nomina del medico competente, l’installazione abusiva di impianto di videosorveglianza senza la prescritta autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro, l’omessa sorveglianza sanitaria e la mancata consegna dei dispositivi di protezione individuale (dpi).

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Furti in centro, due denunciati a Pescara

La polizia di Pescara avrebbe individuato 2 persone ritenute responsabili di diversi furti consumati in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *