Pescara, arrestata una coppia per estorsione, spaccio e usura

Un 37enne pescarese e sua moglie di 32 anni, gravemente indiziati dei reati di usura aggravata, estorsione e spaccio di stupefacenti in concorso sono stati arrestati a Pescara dalla Polizia. Vittima degli usurai un noto imprenditore che, a fronte di un debito di tremila euro, avrebbe versato agli aguzzini oltre 13.500 euro e nonostante questo ha subito continue minacce. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile, sono iniziate ad aprile 2022, quando l’imprenditore, esasperato dalle vessazioni di cui era vittima, si è presentato in Questura per sporgere denuncia.

L’uomo ha ammesso di fare uso di sostanze stupefacenti e di aver acquistato cocaina dalla coppia, al prezzo di 100 euro per ogni dose da 0,5 grammi, per una media di oltre mille euro al mese. Trovatosi in condizioni di difficoltà economica, i due avrebbero fatto un prestito di tremila euro all’imprenditore, pattuendo la restituzione ad interessi usurari. La coppia, infatti, si sarebbero fatta promettere la consegna di seimila euro prima, di settemila poi e, infine, di ottomila euro. Gli investigatori hanno appurato che, nonostante la parte lesa avesse effettivamente versato ai propri aguzzini oltre 13.500 euro, gli indagati in più occasioni avrebbero minacciato l’uomo di divulgare presunti dettagli intimi compromettenti, arrivando anche a minacciarlo di morte. Minacce che sarebbero state effettuate sia di persona, nell’abitazione della vittima o per strada a seguito di veri e propri appostamenti, sia rivolgendosi a conoscenti e vicini.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ordine degli architetti, torna l’inziativa degli studi aperti, a Pescara, Manoppello e Popoli

Torna Open! Gli architetti aprono i loro studi al pubblico, appuntamento nazionale che sul territorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *