Pescara, presentato il progetto per riqualificare la scuola Muzii

Dieci milioni di euro in arrivo per la totale riqualificazione dell’ex scuola media intitolata a Leopoldo Muzii in via Saffi e la realizzazione del distretto musicale con il Conservatorio «Luisa d’Annunzio». L’importante obiettivo raggiunto è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa svoltasi in piazza Martiri Pennesi (nel giardino sul retro del Conservatorio). Per il sindaco Carlo Masci «un grande risultato che dà un’ulteriore spinta alla vocazione culturale e alla crescita di Pescara come città delle arti. Voglio ringraziare la professoressa Maria Cristina Forlani della facoltà di Architettura – ha dichiarato il primo cittadino – perché l’università è stata preziosissima nell’elaborazione delle linee-guida che sono state alla base della stesura del progetto, individuando le esigenze del Conservatorio ma anche quelle della città».

Prevista la demolizione totale dei due edifici (ex palestre) adiacenti e connessi al sistema principale, attualmente in stato di avanzato degrado e rischio strutturale, nonché la demolizione parziale dell’involucro degli edifici – ex aule – al fine di realizzare un miglioramento sismico della struttura e la ridefinizione di un involucro altamente performante dal punto di vista energetico. Saranno realizzati due nuovi fabbricati, l’uno finalizzato alla configurazione di una biblioteca specializzata/audioteca, l’altro destinato a concretizzare un nuovo aperto anche alla città. Previste altresì la riconfigurazione dei seminterrati per la realizzazione di un sistema integrato di fruizione con la cittadinanza e la riorganizzazione degli spazi aperti all’interno dell’area oggetto di intervento mediante la realizzazione di percorsi, luoghi per la sosta, ecc.

Tutti gli interventi sono finalizzati all’ampliamento del Conservatorio “Luisa d’Annunzio” per un numero di studenti pari a 340 e per un numero di utenti dell’auditorium pari a 500.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, il questore Misiti va in pensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *