Rapina sventata nel Pescarese, tre arresti dei carabinieri

Stavano per rapinare un ufficio postale, ma sono stati arrestati in flagranza dai carabinieri di Penne con l’accusa di tentata rapina aggravata in concorso.

La rapina si sarebbe dovuta compiere alle poste di Turrivalignani, centro del pescarese, nella giornata di sabato approfittando della chiusura del Municipio che insiste nello stesso stabile che ospita l’ufficio postale.

Il colpo mancato prevedeva l’entrata in scena dei malviventi in orario di apertura con l’utilizzo di una pistola, trovata all’interno del veicolo e sebbene priva del tappo rosso, uguale a quella utilizzata dalle forze di Polizia. I militari hanno sequestrato anche delle fascette in plastica da elettricista, già assemblate e pronte per essere utilizzate e due radio ricetrasmettenti con auricolare, oltre ai guanti che sarebbero stati indossati e ad altri oggetti che servivano ai tre per travisarsi. Le perquisizioni scattate a seguito dell’arresto, hanno fatto emergere un quadro indiziario ancora più delicato visto che nelle pertinenze di uno degli arrestati sono stati trovati un fucile calibro 12 a canne mozze illegalmente detenuto, perfettamente funzionante e con varie munizioni dello stesso calibro, dieci grammi di hashish e due stampe in plastica, palesemente contraffatte, raffiguranti le riproduzioni, anteriore e posteriore, di una targa fittizia, utilizzata per depistare i controlli.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, gli operatori del 118 all’aeroporto di Pescara

Gli operatori del 118 di Chieti dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *