Ripa Teatina, sequestrate oltre 5.000 tonnellate di rifiuti

I Carabinieri della Tutela Forestale e dei Parchi di Chieti hanno sequestrato a Ripa Teatina un impianto di recupero e oltre cinquemila tonnellate di rifiuti. Si tratta del sequestro preventivo di un’area con 3.600 metri cubi di rifiuti inerti, circa 5.600 tonnellate, assumendo come peso specifico del rifiuto 1,6 tonnellate a metro cubo, addossati e compattati su un’area di circa 1.200 metri quadrati con l’altezza del terrapieno di oltre 3 metri. “Gli indagati – si legge in una nota – rischiano la pena dell’arresto da sei mesi a due anni e l’ammenda da 2.600 euro a 26.000 euro, oltre alla confisca dell’area sottoposta a sequestro. L’attività del Nipaaf si inserisce all’interno di un piano di controlli mirati che, oltre a salvaguardare direttamente l’ambiente e il paesaggio, in via mediata consente di portare alla luce condotte delittuose che – conclude la nota- danneggiano anche gli imprenditori che investono ingenti risorse economiche per tutelare le matrici ambientali”.

L’area, priva di pavimentazione impermeabile e di sistemi di canalizzazione, raccolta e trattamento delle acque di prima pioggia e delle acque industriali, era stata originariamente autorizzata per il trattamento e il recupero di materiale edile, ma nel corso degli anni è diventata un ricettacolo di inerti provenienti da demolizioni, sì da costituire una vera e propria discarica non autorizzata.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente sul lavoro in un’azienda del Chietino

Incidente sul lavoro 11 in un’azienda meccanica di Mozzagrogna, specializzata nella costruzione di pale eoliche. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *