Tenta l’estorsione alla madre davanti ai carabinieri, arrestato nel Chietino

E’ stato arrestato dai carabinieri dopo aver cercato di estorcere denaro alla madre. Per il 26enne le accuse sono lesioni personali aggravate, tentata estorsione mediante violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto è avvenuto a Villamagna dove vive la donna. Il figlio, che abita a Chieti, è arrivato in taxi e una volta sceso dinanzi all’abitazione della madre, in stato di alterazione, ha iniziato ad urlare pretendendo da lei 250 euro senza specificare il motivo della richiesta. Il giovane avrebbe sostenuto di avere dei debiti dicendo una prima volta di dover dare i soldi al coinquilino, e poi, invece, ad alcuni zingari per pagare dello stupefacente. La donna, che era al balcone e nel frattempo aveva telefonato al 112, è scesa solo per pagare la corsa del taxi: a quel punto il figlio ha avuto uno scatto di violenza verso la madre, ma è stato bloccato dai Carabinieri che nel frattempo giunti sul posto, che si sono frapposti, e che hanno assistito alla richiesta di denaro: ne è nata una colluttazione nel corso della quale uno dei militari ha riportato lesioni a una mano. Il giovane è stato quindi condotto in caserma ed arrestato: oggi l’arresto è stato convalidato e il giudice del Tribunale di Chieti, Morena Susi, ha disposto la custodia cautelare in carcere, misura richiesta dal pm Luisa Bertini. L’avvocato Valentina D’Angelo, che difende Evangelista, ha preannunciato la richiesta di un rito alternativo previa perizia sulla capacità di intendere e volere e sulla pericolosità. L’udienza è stata fissata per il prossimo 29 febbraio.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Muratore ferito durante i lavori al tribunale di Sulmona

Un muratore al lavoro nel tribunale di Sulmona è rimasto ferito da un armadietto che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *