Preoccupazione per tartarughe marine debilitate in Adriatico

Diverse segnalazioni nelle ultime settimane ditartarughe (con un carapace dai 30 ai 17 centimetri) della specie Caretta caretta, debilitate e fortemente infestate da ‘epibionti’, nella fattispecie balani o anche detti ‘denti di cane’. Si tratta di crostacei parassiti che infestano individui già debilitati e per questo immobili da tempo. A lanciare l’Sos è la Fondazione Cetacea di Riccione. Tre delle cinque tartarughe segnalate sono state recuperate dallo staff del Centro di Recupero Tartarughe Marine riccionese e ricoverate, ora sono sotto stretta osservazione. L’ultima arrivata è un piccolo esemplare dal carapace di 20 centimetri, molto sottopeso, trovato alla deriva a Cattolica. La situazione desta allarme, spiega la Fondazione, perché non in linea con i trend stagionali e anzi ha alle spalle un precedente “inquietante”. “Abbiamo il precedente dell’estate del 2009 – dichiara la biologa Valeria Angelini – quando nell’alto Adriatico si spiaggiarono 154 tartarughe marine, di cui circa 90 ricoverate al nostro Centro di Recupero”. Alle tartarughe vittime, aggiunge, “allora fu diagnosticata una sindrome chiamata ‘Dts’ (Debilitated Turtle Syndrome) già registrata in precedenza altrove (per esempio in Atlantico e nel Golfo Persico) ma mai in Adriatico. Qualche sporadico caso si è presentato in Adriatico anche gli anni successivi. Sulle cause è stato possibile fare delle ipotesi, ma mai ottenere una vera risposta”. Per questo sono in atto accertamenti ed esami. La Fondazione Cetacea invita chiunque si imbattesse in tartarughe in evidente difficoltà ad avvisare la Capitaneria di Porto e il numero delle emergenze 3345688320 o 0541691557. (da Ansa)

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Montesilvano, Il consigliere Manganiello: incontro con Dog village per una soluzione rapida. Dura condanna per i due cani strangolati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *