Affitti, lieve calo dei rendimenti

La redditività lorda dell’acquisto di una casa per immetterla sul mercato degli affitti accusa un lieve calo nel secondo trimestre, al 7,9%, contro l’8% del secondo trimestre 2021. Secondo lo studio condotto da idealista, portale immobiliare leader per sviluppo tecnologico in Italia, il rendimento offerto dalle abitazioni è più del doppio rispetto ai tassi offerti dai titoli di Stato a 10 anni (3,4%). Secondo questo studio, che mette in relazione i prezzi di vendita e affitto di diversi prodotti immobiliari per calcolarne il rendimento lordo, i locali commerciali (negozi) rimangono l’investimento immobiliare più redditizio. L’acquisto di un negozio in Italia per affittarlo offre un rendimento lordo del 12%, rispetto all’11,6% di dodici mesi fa. Gli uffici offrono un rendimento del 9,0% (8,7% un anno fa) e nel caso dei garage si attesta al 7,2%, superiore al 6,9% di giugno 2021.
Tra i capoluoghi italiani, la più redditizia è Ragusa con il 10,2%. La seguono Biella (9,1%), e Siracusa (9,4%). Dall’altro lato Siena (4,3%), Venezia (4,4%) e Salerno (4,6%) sono le piazze meno profittevoli. A Milano la redditività scende al 5% (rispetto al 5,4% del secondo trimestre del 2021), a Roma al 5,5% (un anno fa era al 5,8%).

I locali commerciali sono il prodotto che ha la massima redditività in quasi tutti i capoluoghi. Il rendimento migliore si ottiene a Milano (16,5%), che precede Monza e Pavia (entrambe al 15,5%) al top di una graduatoria che vede nella parte bassa Crotone (7,7%) Barletta e Trapani (7,8%). Tra i grandi mercati Milano è la regina dei rendimenti di questo segmento, Napoli si ferma al 14%, mentre Roma al 12.6%. Gli immobili ad uso ufficio hanno perso qualcosa – 3 decimi di punto – rispetto allo scorso anno. Nel frattempo, Pistoia (10,7%) si è portata in cima alla graduatoria dei rendimenti del settore, davanti a Torino e Cagliari (entrambe (al) 9,3%), che precedono a loro volta Perugia (9,2%). Tra i grandi mercato la migliore è Roma (8,1%), in crescita davanti a Napoli (7,8%) e Milano (6,6%) che invece sono in netto calo. Nella parte bassa del ranking l’ultima è Bari (6%), quindi Rimini e Pescara, rispettivamente con un 5,7% e un 5,8%. Il mercato degli uffici non è uniforme come quello di altri prodotti, il che rende impossibile ottenere dati statistici su oltre la metà dei capoluoghi italiani. I box rimangono un prodotto piuttosto stabile, anche se meno redditizio per l’investitore in tutte le città rilevabili dallo studio. Milano, Firenze e Catania, tutte con rendimenti che toccano il 6,7%, comandano il ranking precedendo Roma (6,5%), Napoli (5,5%) e via via le altre per chiudere con il 4,1% di Genova, infine Padova, fanalino di coda, con un rendimento del 3,5%.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ecomob: inaugurata la settima edizione a Pescara

Inaugurata la settima edizione di Ecomob, il primo grande evento in Italia dedicato alla mobilità …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *