Alimentari in leggera discesa a settembre secondo l’Unione Nazionale Consumatori

L’Unione Nazionale Consumatori ha elaborato i dati Istat dell’inflazione di settembre resi noti ieri per stilare non solo la top ten dei rincari annui, alimentari e non, e di quelli mensili, ma anche quella dei maggiori ribassi mensili per quanto riguarda i prodotti alimentari e le bevande analcoliche, ossia di quelli maggiormente interessati dal Trimestre anti-inflazione in partenza domani. A settembre è iniziata la discesa dei costi di molti prodotti alimentari rispetto ad agosto. Per la top ten dei ribassi mensili, al primo posto i cereali per colazione con una diminuzione del 2,5% rispetto ad agosto 2023. Al secondo posto i sostituti artificiali dello zucchero che scendono del 2,1% sul mese precedente. Medaglia di bronzo per cacao, vegetali surgelati e burro, tutti e tre con -2%. Al quarto posto Confetture, Besciamella e panna, Pesce surgelato, tutti e tre con -1,6%. Al quinto posto il riso, che saliva ininterrottamente dall’ottobre del 2021 e che, a dispetto del dato tendenziale, +18,4% su settembre 2022, che lo fa collocare al quarto posto degli aumenti relativi al cibo e al quinto della classifica generale, cala in un solo mese dell’1,5%, ex aequo con il Tè.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Export, nel Mezzogiorno dati positivi per l’Abruzzo

Nel 2023, la composizione territoriale dell’export italiano ha registrato modifiche significative, con il Mezzogiorno che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *