Amazon, sono 20mila le aziende che hanno usato il negozio online creando 60 mila posti di lavoro

Sono più di 20.000 le aziende che hanno usato il negozio online di Amazon nel 2021 creando, a oggi, un totale di circa 60.000 posti di lavoro in Italia. Secondo il report, nel 2021 più di 200 pmi italiane che vendono su Amazon hanno superato un milione di euro di vendite per la prima volta e circa 5.000 hanno superato 100 mila euro di vendite. Complessivamente, le oltre 20.000 realtà imprenditoriali hanno venduto oltre 200 prodotti al minuto sul sito di ecommerce. Le cinque categorie di prodotto di maggior successo all’estero sono state casa e cucina, bellezza, sport e tempo libero, industria e scienza e salute e cura della persona. Inoltre, lo scorso anno, più della metà delle pmi che vendono su Amazon ha esportato i propri prodotti registrando vendite all’estero per circa 800 milioni di euro, intorno al 25% in più rispetto all’anno precedente: di questi, più di 60 milioni di euro sono stati registrati al di fuori dell’Unione europea. Sono i numeri del contributo di Amazon all’economia italiana, riportati in una nota, in linea con l’obiettivo dell’azienda annunciato lo scorso maggio di contribuire a portare a 1,2 miliardi di euro all’anno l’export di queste aziende entro il 2025.

Analizzando le vendite all’estero delle pmi nelle singole regioni, la Lombardia si attesta al primo posto con un valore di oltre 125 milioni di euro, seguono, al secondo posto, la Campania con oltre 120 milioni di euro e al terzo il Lazio con oltre 70 milioni euro. Segue il Veneto con oltre 70 milioni di euro mentre il Piemonte chiude la top 5 con un valore di oltre 50 milioni di euro. Tra le altre regioni con un elevato livello di export figurano Toscana (oltre 50 milioni di euro), Puglia (oltre 50 milioni), Emilia-Romagna (oltre 40 milioni) e Sicilia (oltre 25 milioni). Le pmi che vendono su Amazon hanno sede in tutte le 20 regioni italiane e in tre regioni ci sono oltre 2.000 partner di vendita: in Lombardia (oltre 3.250), Campania (oltre 2.750) e Lazio (oltre 2.000). La top five delle regioni con maggiore presenza di Pmi include anche la Puglia (oltre 1.700) e il Veneto (oltre 1.500). È significativa la presenza di Pmi anche in Emilia-Romagna con oltre 1.500, in Piemonte e Sicilia con oltre 1.250, in Toscana con circa 1.250 e in Abruzzo con oltre 500 Pmi.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dai permessi per costruire 1,7 miliardi per l’Erario

In Lombardia non si arresta il boom della crescita immobiliare, a Milano come altrove, e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *