Betafence, vertice sul futuro del sito produttivo di Tortoreto

Vertice istituzionale sul passaggio di proprietà della Betafence di Tortoreto, l’azienda che produce recinzioni in metallo, ceduta dalla Praesidiad ad un pool di banche inglesi. Al termine del tavolo istituzionale, al quale erano presenti l’assessore allo Sviluppo economico Daniele D’Amario, i rappresentanti sindacali e quelli delle Rsu dello stabilimento, il vicepresidente di Europe Praesidiad Peter Rudd e il direttore dello stabilimento Paolo Corporente, convocato dall’assessore Pietro Quaresimale dal punto di vista industriale la situazione rimane ancora sospesa.

“Il dato positivo – ha detto l’assessore Quaresimale – è che lo stabilimento di Tortoreto non subirà alcun smantellamento, timore che era tornato alla ribalta dopo le notizie del cambio di proprietà, così come è da valutare positivamente che non ci sono elementi pregiudizievoli rispetto alla situazione precedente all’acquisto. Sul fronte dello sviluppo industriale dello stabilimento non sono arrivate risposte e questo ha generato delusione soprattutto tra i lavoratori e i sindacati. Noi come istituzione abbiamo il dovere di dare risposte a questi lavoratori e alle loro famiglie che rappresentano l’anello più debole di una catena che in questo caso ha le maglie dei colossi finanziari”.

Il passaggio di proprietà, secondo quanto hanno detto i due rappresentanti aziendali, ha prodotto anche una consistente iniezione di liquidità che i nuovi proprietari hanno voluto portare in dote alla Betafence. Venticinque milioni di euro di nuove risorse che verranno indirizzate per ridurre il debito e l’impatto degli interessi passivi: una destinazione finanziaria, dunque, e non industriale come invece avrebbero voluto lavoratori e sindacali.

Sul fronte della tutela retributiva dei lavoratori, dal tavolo è emerso che l’ombrello della cassa integrazione straordinaria scade il prossimo 22 ottobre. È poi prevista una proroga, l’ultima, al 22 aprile 2024. “Alla scadenza di quella data – aggiunge Quaresimale – si rischia di avere 97 lavoratori senza alcuna copertura salariale. È chiaro che entro quella data va costruito un percorso che dia certezze ai lavoratori. La prossima riunione, fissata per il 28 settembre, potrebbe essere il primo passo verso questa direzione: la società Betafence si è impegnata a presentare un piano che indichi l’impatto sull’attività industriale e produttiva dello stabilimento alla luce dell’operazione finanziaria di riduzione del debito e degli interessi passivi”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Cresce il contenzioso tributario nel primo semestre

Nei primi sei mesi del 2024 è notevolmente cresciuto il contenzioso tributario, secondo quanto riportato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *