Delegazione della Regione Abruzzo al Foodex in Giappone

 “L’internazionalizzazione dei mercati per le imprese abruzzesi rimane un punto centrale della strategia dell’assessorato allo Sviluppo economico nel processo di crescita della Regione”. Lo ha affermato l’assessore allo Sviluppo economico, Daniele D’Amario, a margine della visita che la delegazione abruzzese a Tokyo ha fatto alla Foodex, la fiera internazionale del settore alimentare e delle bevande in corso di svolgimento nella capitale asiatica.

Alla Foodex la presenza delle aziende abruzzesi, ben 36, “è numericamente la più alta rispetto alle altre regioni italiane”, sottolinea il presidente della Camera di Commercio Chieti Pescara Gennaro Strever, “a conferma – gli fa eco l’assessore D’Amario – dell’attenzione delle nostre imprese verso mercati ambiziosi che comunque richiedono investimenti non da poco. Questo rappresenta un buon segnale e non è un caso se abbiamo scelto di accompagnare e sostenere la politica di internazionalizzazione avviata dalle Camere di Commercio abruzzesi nella certezza di ricadute positive per la nostra economia e in termini occupazionali”.

La presenza di una delegazione di Regione Abruzzo e Camera di Commercio Chieti Pescara a Tokyo ha poi risvolti anche sul fronte dell’asse portante del Pil regionale: il settore dell’Automotive, nella prospettiva di ulteriori collaborazioni con gli attori giapponesi già presenti in Abruzzo. “C’è poi – aggiunge D’Amario – l’attività di preparazione all’esposizione universale di Osaka 2025 in sinergia con le Camere di commercio regionali, soprattutto dopo la positiva esperienza di Dubai. La linea della Regione è chiara: proseguire quest’azione sinergica per dare modo alle aziende abruzzesi di conoscere, esplorare e consolidare i mercati internazionali, gettando le basi di una presenza abruzzese al Padiglione Italia”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Agricoltura, Cia Chieti-Pescara lancia l’allarme sui danni per il clima caldo

Un inverno con temperature insolitamente elevate e precipitazioni al di sotto della media hanno colpito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *