Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti chiedono nuove assunzioni alla Tua

 I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti tornano a chiedere alla Regione e alla Tua interventi urgenti per sopperire alla carenza del personale preposto all’esercizio, agli impianti fissi e alla manutenzione: in un recente incontro con i vertici aziendali i sindacati sono tornati a sollecitare l’immissione di nuovo personale soprattutto per le figure di autisti, macchinisti e capitreno e negli impianti fissi, ma anche la trasformazione a full time dei contratto del personale manutentivo. Per Cgil Cisl e Uil si tratta di interventi non piu’ rinviabili. “Come e’ noto, spiegano i sindacati, e dopo aver atteso sette anni dall’espletamento dell’ultimo concorso pubblico per la selezione di nuovo personale, nel corso dell’anno sono stati sottoscritti accordi di natura sindacale che hanno permesso di sbloccare e condividere percorsi finalizzati al turn over nonche’ all’emissione di nuovi bandi di concorso indirizzati sia al personale giovane e da formare mediante i contratti cosiddetti di apprendistato professionalizzante che a lavoratori non piu’ giovani, ma gia’ dotati della necessaria esperienza avendo lavorato in altre imprese di trasporto o anche nella stessa Tua Spa in qualita’ di personale somministrato e proveniente dalle agenzie interinali”.

Il presidente della Tua Gabriele De Angelis in merito alla nota sindacale di questa mattina di Cgil, Cisl e Uil, relativa al potenziamento delle assunzioni in Tua , attraverso una breve nota illustra nel merito la posizione dell’azienda: “Il nuovo Consiglio di Amministrazione – ha commentato il presidente Tua, Gabriele De Angelis – avviera’ una puntuale analisi delle istanze dei sindacati gia’ a partire dal prossimo Cda. Il confronto con le Organizzazioni Sindacali – ha puntualizzato De Angelis – e’ stato gia’ avviato in modo costruttivo lo scorso mese di settembre e siamo sicuri che produrra’ sempre risultati concreti in un clima di fattiva collaborazione”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Immobiliare, il 56 per cento degli italiani vuole case di classe A

La Direttiva europea sulle abitazioni green trova apprezzamenti tra i potenziali compratori secondo l’indagine commissionata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *