Gal Costa dei Trabocchi, Rete rurale nazionale sceglie l’Abruzzo per la prima study visit 2023

Una serie di incontri, da luglio a ottobre, per diciassette esperienze sull’intero territorio nazionale e con un appuntamento anche in Svizzera. Il tutto promosso dalla Rete rurale nazionale, il programma che sostiene lo sviluppo rurale italiano attraverso la Rete rurale europea. Il ciclo è dedicato allo Sviluppo locale in pratica – Buone pratiche e study visit 2023 e vede l’Abruzzo, grazie al Gal-Costa dei Trabocchi, come prima regione ospitante degli eventi.

Il ciclo di visite studio è pensato, come da sigla di riferimento, per tutti gli attori di Leader/Clld – che operano dunque nell’ambito dello sviluppo locale di tipo partecipativo – e, in particolare, per i Gal italiani disponibili a condividere esperienze di valore del proprio territorio e interessati ad apprendere da quelle degli altri.

Lo sviluppo di destinazioni cicloturistiche: strategie, strumenti e ipotesi di cooperazione territoriale è dunque il tema della prima study-visit dal 5 al 7 luglio prossimi in Abruzzo, per tre giorni di vista del territorio, momenti di incontro dedicati al tema del cicloturismo, esperienze di turismo attivo fra ciclopedalata, trekking, kayak e momenti enogastronomici.

Le visite di studio sono rivolte a Gal italiani e stranieri, attori e beneficiari locali, altre reti europee e rete rurale europea. L’evento consente quindi di conoscere, tramite il confronto con gli operatori ed esperienze dirette di turismo attivo come ciclopedalata, trekking, kayak, le modalità organizzative applicate dal Gal Costa dei Trabocchi per creare un’offerta turistica sostenibile e destagionalizzata, tramite un pacchetto di attività per il cicloturismo che comprende: soluzioni di mobilità sostenibile per il turismo, sistemi di orientamento su strada, percorsi, azioni mirate di comunicazione e gamification, digitalizzazione del sistema dell’accoglienza turistica.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dai permessi per costruire 1,7 miliardi per l’Erario

In Lombardia non si arresta il boom della crescita immobiliare, a Milano come altrove, e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *