Giacomo D’Ignazio è stato confermato presidente di Fi.R.A.

Giacomo D’Ignazio è stato confermato presidente di Fi.R.A. S.p.A., la società in house di sviluppo industriale della Regione Abruzzo. Lo ha deciso, questo pomeriggio, l’Assemblea ordinaria dei soci, che ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione della Società unica, nata dalla fusione per incorporazione con Abruzzo Sviluppo Spa, altra partecipata regionale.  Con D’Ignazio, alla guida della nuova Agenzia regionale, ci saranno Stefano Cianciotta, ex presidente di Abruzzo Sviluppo, Nicoletta Salvatore, Consuelo Di Martino e Antonio Paraninfi.

Fi.R.A. e Abruzzo Sviluppo sono di fatto state fuse in un’unica Società a totale partecipazione pubblica, il cui unico Socio è Regione Abruzzo, dallo scorso 1° gennaio, nell’ottica della razionalizzazione di costi di gestione e ottimizzazione dei servizi alle imprese

“La nuova governance nominata oggi  – ha dichiarato il presidente della Giunta regionale Marco Marsilio – è frutto di una precisa scelta: dare continuità all’ottimo lavoro sin qui svolto dai vertici amministrativi di Fi.R.A. e Abruzzo Sviluppo e garantire la perfetta armonizzazione delle due strutture, affinché la nuova unica Società regionale di sviluppo diventi una realtà strutturata, a servizio del tessuto produttivo abruzzese. Con l’assemblea di oggi – ha proseguito – si conclude il lungo processo di fusione tra Fira e Abruzzo Sviluppo cui hanno dato un forte impulso, oltre al management ed al personale delle due strutture, anche l’ex direttore generale della Regione Barbara Morgante e l’attuale Antonio Sorgi. L’obiettivo, che abbiamo centrato a seguito di un’operazione tutt’altro che facile, era quello di creare uno strumento più forte in grado di operare non solo al servizio delle imprese per facilitare l’acceso al credito ma anche di occuparsi di marketing territoriale e di alta formazione. Infatti, – ha spiegato Il Presidente – abbiamo portato dentro FIRA anche le competenze del Ciapi”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Export, nel Mezzogiorno dati positivi per l’Abruzzo

Nel 2023, la composizione territoriale dell’export italiano ha registrato modifiche significative, con il Mezzogiorno che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *