La Coop dona cento pecore all’Azienda Agricola Martinelli di Farindola

 

La Coop dona cento pecore all’Azienda Agricola Martinelli di Farindola, produttore storico di pecorino entrato nella linea dei prodotti a marchio Coop ”Fior Fiore”. L’azienda danneggiata dai recenti eventi climatici è tra l’altro citata nelle telefonate della Prefettura di Pescara e confusa con il crollo dell’Albergo Rigopiano. “La solidarietà passa anche attraverso la donazione di 100 pecore” si legge in un comunicato della Coop. L’azienda danneggiata dai recenti eventi climatici ha visto crollare sotto il peso della neve due stalle, ha perso così più di 350 capi del proprio allevamento e ha dovuto interrompere la produzione. Tra l’altro è proprio quell’azienda citata nelle telefonate della Prefettura di Pescara che la funzionaria ha erroneamente confuso con l’Albergo Rigopiano. Nato come ‘Presidio Slow Food’ e dunque salvato dall’estinzione, il Pecorino di Farindola ha raggiunto il grande pubblico grazie alla diffusione in Coop nella linea ‘Fior Fiore’ ed è un’autentica eccellenza agroalimentare del nostro Paese. È un pecorino particolare, perché preparato (caso unico in Italia e forse nel mondo) utilizzando il caglio di maiale, che gli conferisce aroma e sapori particolari. 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Superbonus 110 per cento, l’analisi di Ance Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *